Differenze

Queste sono le differenze tra la revisione selezionata e la versione attuale della pagina.

Link a questa pagina di confronto

jaguar_alien_vs._predator [2009/08/24 17:09]
ataru_75
jaguar_alien_vs._predator [2011/03/30 23:51] (versione attuale)
Linea 1: Linea 1:
 +===== ALIEN vs PREDATOR =====
  
 +|[[atari jaguar|{{marzo08:loga_avsp.png?550}}]]|
 +
 +=====Storia e Gameplay=====
 +
 +**Alien vs Predator** è uno [[sparatutto]] in prima persona ([[FPS]]), pubblicato dalla [[ATARI|Atari Games]] e sviluppato dalla [[Rebellion]] nel 1994.
 +
 +A volte ci sono giochi ignobili che vendono solo perchè escono su una [[console]] alla moda, quindi secondo la massa sono meritevoli di acquisto solo per questo, ma in questo strano mondo digitalizzato talvolta capita anche che esca un capolavoro, una pietra miliare che da sola riesce a far brillare di luce riflessa anche la [[console]] su cui esce: Alien vs Predator (d'ora in poi AvsP) è uno di questi e anche da solo giustifica il fatto di avere una [[console]] sfigata come il [[atari jaguar|Jaguar]] connesso al televisore, monumentale, claustrofobico, violento, immersivo e anche di più AvsP nel contesto dell'epoca è paragonabile a Paul Simonon che sbriciola il suo basso al suolo mentre i suoi Clash urlano London Calling, niente dopo ciò sarà come prima nel campo degli [[FPS]].
 +
 +Questo tipo di giochi tutti figli di una costola di [[PC_Doom|Doom]] e una di [[pc_Wolfenstein|Wolfenstein]] fino all'"Anno Mundi Rebellion" erano legati alla filosofia dell'entro-sparo-a-tutto-ciò-che-si-muove-esco senza la benchè minima variazione alla formula, AvsP pone qualche diversificazione alla ricetta, mettendoti su un piatto d'argento tre stili di gioco legati a doppio filo ai tre personaggi selezionabili, alle loro strategie e ai loro obiettivi: selezionando il Predator si diventa delle macchine maciulla-carne avendo a disposizione un arsenale pazzesco e una tuta che rende invisibili(attenzione però che non ha una carica eterna), nei panni dell'Alieno invece avremmo a disposizione tutto ciò che natura ci ha dato: fisicità massiccia,velocità,artigli, una bocca retrattile letale e una coda da scorpione tostissima, il tutto coadiuvato da una visuale aliena di grande effetto scenico, ma la cosa che più stupisce dell'alieno è che potremmo anche inserire le nostre uova all'interno delle nostre vittime aumentando la nostra progenie.
 +Nei panni del Marine invece saremo di certo più vulnerabili potendo contare solo su un fisico umano per l'appunto (infatti il Marine è sconsigliato ai neofiti) ma saremo ripagati con una notevole quantità di armi da fuoco.
 +
 +Si tratta di essere predatori o prede...è questo il punto...
 +
 +Come detto AvsP è un gioco dalle molteplici sfaccettature: ti fa sentire mostruosamente tosto nelle mani di quella macchina da guerra che è il Predator, ti fa sentire un gigante, una forza della natura contro una miriade di formiche(i Marine) che cercano di porre fine alla tua specie nei panni dell'Alieno ma con un rapido voltafaccia ci tramuta in prede se davanti al nostro alieno digitale si para un Predator e ti fa sentire solo, sgomento contro uno sciame di creature molto più forti, agili e sanguinarie di te (gli Alieni hanno nella loro IA ben 256 tattiche di attacco) potendo fare affidamento solo sui tuoi riflessi, il tuo sangue freddo e il tuo fido fucile, capita spesso di sentire un sospiro maligno dietro se e girandosi di colpo vedere un'inferno di quelle letali creature arrivarci contro tanto che a volte ci si trova a continuare a premere il pulsante di fuoco anche a battaglia finita come in preda a un arcano istinto di conservazione.
 +Ebbene si, questo gioco spaventa e lo fa seriamente, non come molti survival horror che ti piazzano due mostrilli digitalizzati con la presunzione di essere terrificanti, la maggior parte di questi survival horror al confronto del claustrofobico gioco Rebellion spaventano tanto quanto una gita al circolo bocciofilo del paese, AvsP ti prende dentro, si aggrappa alla bocca dello stomaco quando meno te lo aspetti e ti fa venire una paura bestiale connessa a un'ansia pulsante di ritrovarti, appena girato quell'angolo di corridoio di nuovo sgomento e assalito di sorpresa da creature ostili (che siano Marine, Predator o Alieni a seconda della scelta del personaggio) che l'unica cosa che bramano è scrivere il tuo nome nell'anagrafe dell'aldilà. Il gioco è strutturato su obiettivi differenti a seconda del personaggio scelto, essi sono strutturati rispettivamente in questo modo: il Marine deve riuscire ad arrivare al centro di comando, innescare il meccanismo di autodistruzione della base e fuggir via (il tutto molto facile a dirsi ma ben poco facile a farsi) mentre il Predator deve riuscire a prendere come trofeo la testa della regina degli alieni (le prede preferite da questi cacciatori interstellari) ed infine l'Alieno deve riuscire a trovare la propria Regina imprigionata in un certo qual punto della stazione spaziale dai cacciatori...una guerra tra specie insomma è in qualunque forma decidiamo di giocare ci troveremo giusto in mezzo.
 +
 +Si tratta di essere predatori o prede dicevamo...
 +
 +La cosa che salta all'occhio è che l'affrontare l'avventura nei panni del Predator e dell'Alieno risulta meno lungo e complicato (ma non meno divertente) che nei panni del Marine tanto che porta a supporre che gli sviluppatori della Rebellion abbiano voluto rendere sfizioso e diversificato la classica scelta della difficolta (easy per il Predator, normal per l'Alieno e hard per il Marine). Comunque la diversificazione degli obiettivi e del gameplay riesce a tenere incollati allo schermo in un modo molto convincente e duraturo.
 +Cominciamo ad analizzare il gioco nella sua tecnicità. Si parte da quello che colpisce e stupisce più di ogni altra cosa, il comparto grafico, fino ad allora mai ci si era spinti così oltre i limiti in un [[fps]], per la prima volta in quel genere , gli [[stage]] erano realizzati in grafica poligonale dando vita a un vero [[3D]], mentre i personaggi e alcuni elementi dello scenario erano solo dei [[bitmap]], ma disegnati, curati e animati con uno stile eccelso e una cura certosina. Tutto questo rende AvsP un gioco fottutamente all'avanguardia per l'epoca, è bellissimo perdersi in quegli ambienti cupi e claustrofobici e magistralmente realizzati e poi, non dimentichiamocelo AvsP era anche il primo [[sparatutto]] che permetteva al proprio personaggio di insinuarsi negli stretti condotti di areazione per riuscire a superare una porta chiusa, ora questo può apparire nella norma ma nel 1994 non era una cosa propriamente usuale, immaginate lo sgomento dei videogiocatori dell'epoca che trovavano il proprio marine procedere con affanno nel condotto e poi trovarsi di fronte un alieno con la bava acida alla bocca che minaccioso veniva contro strisciando come un demoniaco rettile uscito da chissà quale girone infernale.
 +
 +L'audio invece generò non poche diatribe all'epoca, si perchè AvsP non è provvisto di accompagnamento musicale...e meno male diciamo, visto che nessun accompagnamento musicale sarebbe riuscito a ricreare quella sensazione di ambiente ostile che danno le varie urla del Predator, gli sbuffi e stridii dell'Alieno e gli altri splendidi effetti sonori alternati a un malsano silenzio alquanto straniante, ripeto, questa non deve essere in alcun modo intesa come una mancanza, semplicemente in questo gioco la musica non doveva esistere ed è giusto così. Passando alla voce gameplay anche qui si raggiungono picchi di eccellenza: raramente lo strano e scomodo [[joypad]] del [[atari jaguar|Jaguar]] è riuscito a risultare così familiare nelle nostre mani, tutti i movimenti sono studiati alla perfezione e ben diversificati a seconda del personaggio scelto, stavolta quella scomoda simil-tastiera-telefonica che all'[[Atari]] si ostinavano a chiamare controller riesce veramente a risultare come un vero e proprio colegamento nervoso tra noi e il nostro personaggio. Ci rimane solo da trattare la longevità, e questa, con tre personaggi con obiettivi e strategie differenti coadiuvate da una trama avvincente, una difficoltà ben calibrata e un buon numero di [[stage]] si attesta su livelli più che buoni. In definitiva so che quello che ho scritto può essere definito spicciolamente come un'accozzaglia di luoghi comuni ma questo è lo scotto che si paga decantando un gran gioco, si cade spesso nel retorico e nello scontato ma è giusto così.
 +
 +Anno mundi Rebellion, l'anno zero degli [[fps]]: da li nulla è più stato come prima.
 +
 +
 +=====Scheda=====
 +
 +|**Sistema**|[[Atari Jaguar]]|
 +|**Categoria**|[[Sparatutto]] in prima persona ([[FPS]])|
 +|**Date di distribuzione**|1994|
 +|**Genere**|Fantascienza|
 +|**Sviluppato da**|Rebellion|
 +|**Pubblicato da**|[[Atari]] Corporation|
 +|**Capacità cartuccia**|? [[Mb]]|
 +|**Numero di giocatori**|1-2 giocatori|
 +|**[[Periferiche]] input**|[[Gamepad]], [[Joystick]]|
 +
 +=====Box e Immagini=====
 +
 +{{marzo08:jaquette-9.jpg|}}
 +
 +{{marzo08:1051199229-0.jpg|}} {{marzo08:jagavspp27a.jpg|}} 
 +
 +{{marzo08:jagavspp17a.jpg|}} {{marzo08:jagavspp11a.jpg|}}

Tools personali
Toolbox

1° GHOSTS 'N GOBLINS

2° DOUBLE DRAGON

3° SHINOBI

4° WONDER BOY

5° PAC-MAN

6° GOLDEN AXE

7° ALTERED BEAST

8° DRAGON NINJA

9° POPEYE

10° R-TYPE



Usa questo logo per affiliazioni


Sostieni il DVG. Contattaci!!