KIKI KAIKAI

Da DVG - Il Dizionario dei Videogiochi


KiKiKaiKai () © 1986 Taito.



Storia

KiKiKaiKai (奇々怪界 lit. “Il misterioso mondo dei fantasmi”) è un videogioco arcade (coin-op) di tipo sparatutto prodotto e pubblicato dalla Taito Corporation nel 1986. Da principio destinato alle sole sale giochi giapponesi, in breve tempo riuscì ad uscire dai confini dello stato nipponico e a trovare fortuna in tutto il resto del mondo, anche grazie ai diversi seguiti che ne sono stati fatti (conosciuti in Occidente con il nome improbabile di Pocky & Rocky) e agli altrettanti numerosi adattamenti per diverse piattaforme di gioco. In Nord America e in Europa uscì inizialmente in edizione limitata e sotto il titolo di Knight Boy, una sua copia bootleg non ufficialmente autorizzata dalla Taito.

Il gioco è considerato rivoluzionario nella scena videoludica mondiale, in quanto vi introduce nuove temi e soggetti, legati soprattutto sia all'ambientazione, tipica del Giappone feudale sia ai personaggi, ampiamente influenzati dalla cultura mitologica del luogo, che a tratti si mescolano con motivi addirittura fantascientifici.


Trama

«KiKiKaiKai è uno sparatutto multidirezionale in cui dovrete guidare una sacerdotessa dotata di arti magiche esoteriche e potenti esorcismi attraverso 8 livelli infestati da zombie, fantasmi e demoni tipici della cultura nipponica, dotato di una grafica colorata pulita e molto divertente.»

Il gioco segue le avventure di ”Sayo-chan”, una giovane fanciulla scintoista che vive in un tempio nel Giappone feudale . Una notte, mentre Sayo-chan sta alimentando un fuoco cerimoniale, viene visitata dalle ”Sette Divinità Della Fortuna”, che la mettono in guardia di un grande pericolo imminente. Improvvisamente, una banda di demoni dispettosi appaiono e rapiscono gli dèi, ritirandosi rapidamente in una catena montuosa lontana. Sayo-chan, determinata ad aiutare gli dèi, parte per un viaggio attraverso la campagna, dove si confronta con una serie di strane creature provenienti dalla mitologia giapponese, tra cui Yokai, Obake, Yurei e mostri simili. Dopo aver sconfitto diversi e potenti mostri boss, Sayo deve combattere contro il loro leader, l'antico demone Orochi.


Intro dal gioco:


I demoni cattivi hanno rapito le "Sette Divinità Della Fortuna".
Sayo è la sacerdotessa del tempio, ed è l'unica che può fermarli!
I suoi magici ofuda e la sua asta purificatrice sono le armi giuste
per affrontare questa pericolosa missione!


Che gli Dèi ti assistano, piccola Sayo-Chan!



Gameplay

KiKiKaikai è uno sparatutto multidirezionale che richiede al giocatore di muoversi nelle quattro direzioni attraverso i vari livelli, mentre viene attaccato dai nemici che si avvicinano da più punti diversi dello schermo. Nei panni di Sayo-chan, il giocatore può attaccare con i suoi speciali ofuda, lanciandoli in otto direzioni diverse, o facendo oscillare la sua asta di purificazione direttamente di fronte a lei. Queste tecniche possono essere upgradate trovando oggetti (simili a foglietti di carta) speciali lasciate dai nemici sconfitti, che aumentano il potere e migliorano il raggio d'azione. Sayo può essere danneggiata entrando in contatto con un nemico, e può essere colpita solo una volta prima di essere eliminata riprendendo il livello da un punto di continuazione predeterminato. Alla fine di ogni livello, il giocatore deve affrontare un potente mostro boss, che richiede diversi attacchi per essere sconfitto, e sarà più difficile dei nemici normali.

Diversi elementi nascosti possono essere trovati attaccando oggetti con l'asta di purificazione di Sayo, e possono essere utilizzati per migliorare sia il suo attacco che concedere punti in più al giocatore. Una volta che un certo numero di punti vengono accumulati, il giocatore guadagnerà un'altra vita avendo una chance ulteriore per completare un livello. Quando tutte le vite del giocatore sono esaurite, apparirà una schermata con un “numero match” con 3 cifre random in incrementi di 50 (100, 150, 200, 250, e così via). Se le ultime tre cifre del punteggio totale del giocatore corrispondono al numero visualizzato, sarà concesso un gioco gratuito, altrimenti il ​​gioco finisce.


Controlli

Joystick a 8 direzioniGohei
(Pulsante I)
Ofuda
(Pulsante II)


  • Joystick: Utilizzare il joystick per muovere Sayo-chan. La sacerdotessa può spostarsi in otto direzioni diverse, che corrispondono alle quattro direzioni cardinali, più le quattro diagonali nel mezzo.
  • Pulsante I: Premere il primo pulsante per far oscillare l'asta di purificazione di Sayo-chan, il Gohei (noto anche come onbe o heisoku). Se l'asta si scontra con un nemico, quest'ultimo verrà sconfitto e spazzato via velocemente dallo schermo.
  • Pulsante II: Premere il secondo pulsante per lanciare un talismano ofuda nella direzione in cui Sayo-chan è rivolta. La sacerdotessa è in grado di lanciare più talismani sullo schermo in una sola volta.
  • Pulsante I + Pulsante II: Se possedete le sfere di cristallo, è possibile premere entrambi i pulsanti contemporaneamente per utilizzare quelle disponibili nel vostro inventario. L'utente non può scegliere quale sfera di cristallo utilizzare, vengono usate nello stesso ordine in cui sono state raccolte.
  • Start: Premere il pulsante di start per iniziare una nuova partita.


Dati Tecnici

KIKI KAIKAI
Adesivi PromA85
Processore Principale(3x) Z80 (@ 6 Mhz), M68705 (@ 2 Mhz)
Chip AudioYM2203 (@ 3 Mhz)
Orientamento dello schermoVerticale
Risoluzione video224 x 256 pixels
Frequenza aggiornamento video60.00 Hz
Colori palette256
Giocatori2 (alternati)
ControlloJoystick a 8 direzioni
Pulsanti2 (Gohei - Pulsante I / Ofuda - Pulsante II)
Livelli8


Personaggi

ImmagineNomeDescrizione
SAYO-CHAN Sayo-chan è una Miko, o fanciulla del sacrario. Il destino ha voluto che durante la visita
dei Shichifukujin (le sette divinità della fortuna), esse siano state rapite e portate via dai
demoni. Nello stesso istante, Sayo si mette in viaggio attraverso il Giappone feudale, nel
tentativo di salvare le divinità da sette boss differenti, ognuno rappresentato da un
demone dell'antica mitologia giapponese. In qualità di Miko, Sayo possiede due armi
differenti a sua disposizione: la Gohei è una bacchetta di purificazione che spazza via la
maggior parte dei demoni più piccoli. L'altra arma sono i suoi talismani ofuda, che può
lanciare verso i nemici. La potenza del suo ofuda può essere aumentata attraverso la
raccolta di vari potenziamenti. Sayo è in grado anche di raccogliere due tipi di sfere di
cristallo, che possono essere utilizzate nei momenti di difficoltà. Sayo perde una vita
ogni volta che viene toccata da un nemico e quando viene raggiunta dai loro colpi.
Quando si esauriscono le vite, il gioco è finito. Sayo guadagna vite extra raggiungendo un
determinato punteggio, tipicamente 70.000 e 150.000 punti per impostazione predefinita
della macchina arcade.


Nemici

ImmagineNomeDescrizione
PUKA PUKA I Puka Puka sono piccoli fantasmini che vagano per lo schermo. Girano
verso destra o verso sinistra quando Sayo li oltrepassa. Sono nemici comuni
e appaiono in ogni fase. Anche se non sono particolarmente pericolosi, non
vanno sottovalutati. Possono lanciare proiettili in una delle otto direzioni, a
partire dalla quarta fase del gioco. Provate a elimarli prima che abbiano la
possibilità di sparare verso Sayo-chan.
KASABE I Kasabe sono nemici a forma di ombrello. Possono essere visualizzati sullo
schermo in gruppi di massimo quattro unità. Di norma appaiono chiusi.
Mentre si avvicinano a Sayo-chan si aprono, danzando intorno a lei in
cerchio, poi si chiudono di nuovo, tentando di lanciarsi come un proiettile
verso la sacerdotessa. Quando circondano Sayo, rimangono fuori dalla
portata della sua asta di purificazione. In quel caso è necessario l'utilizzo
dell'ofuda.
RUMURU I Rumuru sono delle piccole creature non in grado di uccidere Sayo-chan
direttamente. Di solito prediligono aggrapparsi alle gambe della
sacerdotessa. Quando un Rumuru afferra Sayo, ne rallenta i suoi movimenti.
Più Rumuru si aggrappano, più lenta Sayo diventa. Se Sayo passa sotto i
portici rossi (conosciuti come “torii”), essi lasciano immediatamente la presa.
Se non c'è un torii intorno, Sayo può tentare di disperderli camminando
intorno ad una lanterna, ma è un'operazione piuttosto difficile. E' meglio
eliminarli prima che abbiano la possibilità di afferrare Sayo. Nel peggiore dei
casi, utilizzate una sfera di cristallo giallo.
OTAMA Gli Otama sono spiriti che viaggiano insieme, in formazioni composte da un
unica fila. Il primo Otama guida il gruppo intorno allo schermo. Se Sayo-chan
riesce a sconfiggere l'intera formazione, l'ultimo Otama fa cadere un oggetto
utile da raccogliere. Gli oggetti più comuni rilasciati sono i power-up
corrispondenti agli ofuda blu. Gli Otama appaiono abbastanza di frequente
all'inizio della prima fase. Di norma appaiono anche dopo che Sayo ha perso
una vita. I loro movimenti non sono mirati a collidere con Sayo, quindi sono
relativamente facili da evitare.
BAKE URI I Bake Uri hanno un aspetto molto simile a quello delle classiche zucche di
Halloween. Spuntano repentinamente dai pozzi dislocati in molte parti del
gioco. Sono in grado di attaccare Sayo da dodici direzioni diverse,
posizionate intorno al pozzo. L'attacco avviene ogni volta che la
sacerdotessa passa in una di quelle determinate direzioni. Se Sayo rimane
ferma nel punto corrispondente ad una loro linea di attacco, i Bake Uri
fuoriescono continuamente. Se Sayo riesce ad eliminarli appena appaiono,
verranno rilasciati dei bonus sotto forma di verdure (come cipolle, carote
etc.). Inoltre possono essere rilasciati anche dei power-up ofuda, per
potenziare lo sparo.
BAKE
CHOUCHIN
Queste “lanterne fantasma” tendono a volare per lo schermo in gruppi da tre.
Volano piuttosto lentamente, con cautela, fino a quando non entrano nel
raggio di attacco di Sayo-chan. A quel punto, lanciano una palla di fuoco in
direzione della sacerdotessa, fuggendo poi immediatamente via dall'area di
gioco. Per questa ragione possono essere molto difficili da colpire.
Concentratevi su come evitare il fuoco che lanciano.
OGEI Conosciuto anche come Rokurokubi. Ogni tanto può capitare che Sayo arrivi
presso una piccola costruzione giapponese. Queste costruzioni sono
comunemente occupate da una sorta di demone, che si traveste da donna
normale. Questo demone ha la particolarità di estendere il suo collo,
arrivando estremamente lontano. Appena Sayo-chan transita presso la
costruzione, il Rokurokubi allunga immediatamente il collo, nel tentativo di
mangiarla. Sparate alla testa più volte, per evitare che questo mostro vi
importuni.
HASHIRITAI Questi mostri appaiono con un aspetto simile a quello di pesci muniti di
gambe. Saltano fuori dall'acqua, soprattutto all'altezza di ponti e con piccoli
balzi attraversano lo schermo diagonalmente. Non puntano in modo
specifico Sayo, ma aumentano la possibilità di collidere con la sacerdotessa
a causa della loro lunga persistenza sullo schermo. Sono facili da
sconfiggere e devono essere rimossi dallo schermo rapidamente.
ICHIDOU Questi sono i folletti da un occhio solo arrivati poco prima dell'inizio
dell'avventura, rapendo gli Shichifukujin (le sette divinità della fortuna), di
fronte a Sayo-chan. Sono abbastanza timidi, ed è molto raro che Sayo ne
veda uno durante il corso della sua missione di salvataggio. Se vi capita di
vederlo, scapperà subito, chiedendo aiuto ad alleati più forti.
MINOJII I Minojii sono demoni piuttosto grandi che appaiono come dei bambini
cresciuti. Il loro temperamento non è certo dei migliori. Appaiono sullo
schermo in gruppi e non vogliono niente altro che l'attenzione di Sayo-chan.
Naturalmente, se riescono a raggiungerla, si posizionano sopra di lei,
costringendola a intrattenerli, causando a Sayo la perdita di una vita.
Rimuoverli rapidamente dallo schermo prima che abbiano la possibilità di
schiacciare la sacerdotessa.
RIN RIN Questi fantasmi appaiono con il volto coperto da maschere che ritraggono
delle volpi. Agiscono come i ninja. Compaiono brevemente, corrono sullo
schermo, si fermano e lanciano un colpo verso Sayo-chan, con estrema
precisione. Possono essere sconfitti con un colpo di ofuda. Mirate con
attenzione, evitate i loro colpi, e sparate prima che abbiano la possibilità di
attaccare la sacerdotessa una seconda volta.
YONEBAA Gli Yonebaa sono più o meno come i Rin Rin, quindi lanciano delle pietre ai
danni di Sayo. Tuttavia, gli Yonebaa tendono a rimanere immobili, fattore che
li rende un pò più facili da colpire. Gli Yonebaa hanno anche l'abitudine di
attaccare da posizioni piuttosto lontane rispetto all'area di gioco, quindi è
necessario decidere se vale la pena arrivare abbastanza vicino per eliminarli,
o semplicemente andare avanti, evitando le pietre che lanciano.
NYORO
NYORO
I Nyoro Nyoro sono fantasmi che assumono la forma di serpenti bianchi.
Strisciano sul terreno in gruppi, ognuno in gara per assicurarsi di raggiungere
Sayo, arrotolarsi intorno a lei e strangolarla. Sono piuttosto grandi, e questo
li rende un facile bersaglio, ma sono anche abbastanza veloci e difficili da
evitare. Appena si mostrano, smettete di muovervi, affinchè diventi una
priorità la loro rimozione dallo schermo utilizzando il vostro ofuda.
TOOSENBOU Mostri che appaiono come una lapide gigante munita di piedi. I Toosenbou
vagano su e giù per lo schermo, fino a quando avvertono che Sayo-chan si
trova nelle loro vicinanze. Quando questo accade, si gettano subito verso la
sua direzione, cadendo a terra nel tentativo di schiacciare la sacerdotessa.
Una volta caduti, si sbriciolano e non costituiscono più una minaccia. E'
possibile recuperare molti power-up ofuda dalla loro sconfitta, quindi è
necessario decidere se attaccarli prima che inizino a correre, o cercare di
evitarli, attivandoli e aspettando che si distruggano da soli.
GARAKOTSU I Garakotsu sono zombie scheletrici che fuoriescono dalla terra. Questo
accade ogni volta che Sayo-chan rimane nello stesso punto per troppo
tempo. Si alzano in piedi e camminano in direzione della sacerdotessa. Se
colpiscono un muro o un'altra struttura, scavano e rientrano nel terreno. Se li
colpite, si sbriciolano al suolo, ma solo temporaneamente. Dopo un pò,
tornano in piedi e attaccano di nuovo. Ogni volta che si rialzano sono più
veloci. La strategia migliore è quella di non rimanere in giro nello stesso
posto per troppo tempo. Se ne vedete uno, cercate di stordirlo e poi
continuate ad andare avanti, facendo scorrere lo schermo, prima che
abbiano la possibilità di tornare in vita.
ANELLO DI
FUOCO
Un altro nemico che appare quando si rimane fermi troppo a lungo in una
qualsiasi fase particolare. L'Anello Di Fuoco compare e rimbalza attorno allo
schermo. Non punta necessariamente nella direzione di Sayo. A differenza
del Garakotsu, non c'è niente che si possa fare per fermarlo. E' possibile
bloccarlo momentaneamente con l'ausilio dei cristalli, ma è meglio non usarli
quando si ha a che fare con l'Anello Di Fuoco, a meno che non sia
assolutamente necessario. E' difficile correre più veloce dell'Anello Di Fuoco
per tentare di farlo sparire dallo schermo, ma non è impossibile. La migliore
difesa contro questo ostacolo è di impedire semplicemente che appaia.
Continuate a muovervi e a far scorrere lo schermo, anche un pò alla volta, è
l'unico modo per allontanare l'arrivo dell'Anello Di Fuoco .


Oggetti (Items)

ImmagineNomeDescrizione
OFUDA
BLU
L'ofuda blu aumenta la gittata in cui il vostro ofuda viaggerà. Quante più se ne raccolgono, tanto
più lontano il vostro ofuda potrà volare. Tuttavia, se sarete troppo avidi, una volta che l'ofuda
raggiunge la massima distanza, continuando a raccogliere gli ofuda blu, la capacità di resistenza
del prossimo boss aumenta. Pertanto, raccogliere solo il numero di ofuda blu di cui si ha bisogno.
OFUDA
ROSSO
Raccogliere l'ofuda rosso darà al vostro ofuda la possibilità di viaggiare attraverso un nemico, invece
di fermarsi quando colpisce qualcosa.
OFUDA
GIALLO
L'ofuda giallo aumenta la dimensione dell'ofuda di base. Sparare un ofuda grande rende molto più
facile colpire i nemici.
DOPPIO
OFUDA
Il raro doppio ofuda ha l'effetto di aumentare drasticamente la velocità con cui Sayo-chan lancerà
il suo ofuda di base.
CRISTALLO
BLU
Utilizzando il cristallo blu, Sayo-chan blocca il tempo per circa otto secondi. Durante questo
tempo, il nemico non può muoversi o sparare verso Sayo, ma lei può ancora perdere una vita
tramite il loro contatto. Quest'oggetto non funziona con i boss.
CRISTALLO
GIALLO
Usando il cristallo giallo è possibile annientare istantaneamente tutti i nemici regolari che
compaiono sullo schermo, e anche a breve distanza. Naturalmente, non funziona contro i boss.
ONIGIRI Raccogliere l'onigiri (una palletta di riso), fa ricevere 2000 punti bonus.
GOHEI Il Gohei appare in circostanze molto rare. La raccolta concederà a Sayo-chan una vita extra. Al
fine di ottenerla, si deve sparare in una posizione che contenga una sfera di cristallo nascosta,
quando le ultime tre cifre del vostro punteggio sono corrispondenti allo zero.
KAGI Al fine di raggiungere il boss, è necessario trovare e raccogliere una chiave, disposta sul terreno
in qualche parte di ogni livello. Se si raggiunge il boss prima di raccogliere la chiave, non sarà
possibile entrare nella zona boss, e si dovrà tornare indietro per trovare la chiave. Non sono
nascoste, ma sempre visibili, in bella mostra.


PERGAMENE Questi tre oggetti sono disponibili solo nell'ottava e ultima fase. È necessario trovarle tutte e tre
per finire il gioco, spazzando via le varie strutture nel terreno con la bacchetta di purificazione.


Guida ai Livelli e Boss

  • KiKiKaiKai è un gioco lineare. È necessario completare ogni fase o livello in ordine. Si comincia all'inizio di ogni fase, e si deve proseguire lungo un percorso prestabilito, fino alla fine. Avete la possibilità di tornare sui vostri passi e rivisitare parti precedenti dello scenario, in ogni momento. Lungo la strada, vi imbattete in una chiave. Le chiavi non sono mai nascoste, sono sempre visibili nell'area di gioco. Il recupero della chiave si rende necessario per accedere in una stanza che si trova alla fine della fase. In questa stanza, si deve affrontare un boss di livello. È necessario sconfiggere questo boss per passare alla fase successiva.


Fase 1

  • All'inizio della prima fase è possibile recuperare un ofuda blu nascosto, sparando in alto a destra dello schermo. Raccoglietelo e iniziate a muovervi verso l'alto. Eliminate i fantasmi Puka Puka al loro arrivo, e utilizzate l'asta di puricazione nei pressi delle lanterne di pietra, per raccogliere ulteriori power-up ofuda e altri oggetti.


Passare sotto al torii farà disperdere i
Rumuru aggrappati.


  • Finchè siete in movimento, non si causa l'uscita degli scheletrici zombie Garakotsu, ma se li fate uscire, balzano fuori dal terreno per dirigersi verso di voi. Colpiteli prima che vi raggiungano. Se non escono, affrontate un tratto di strada senza nemici in particolare, tranne solo qualche sporadico Puka Puka. Arrivati nei pressi della struttura rossa (torii), incontrate i Rumuru, che tentano subito di afferrarvi e rallentare i vostri movimenti. Se riescono nell'intento, passate immediatamente sotto al torii per fargli lasciare la presa su di voi. La scelta di affrontare o meno i Rumuru dipende da quello che accade intorno a Sayo-chan. Se la rallentano troppo, possono provocare la sua morte prematura. C'è da considerare però che questo mostro non è in grado di ucciderla direttamente. Se è l'unico nemico che si aggira sullo schermo, bersagliatelo prontamente con gli ofuda. Se ci sono nemici mortali attorno, cercate di eluderli con qualche manovra evasiva e concentrate il fuoco su quelli più pericolosi in arrivo. Se i Rumuru puntano verso Sayo-chan, l'utilizzo dell'asta di purificazione costituisce sempre un'ottima soluzione.
  • Allo stesso tempo iniziano a comparire dei piccoli spiriti rossi noti come Otama. Se riuscite ad eliminare un intero gruppo (di solito costituito da tre unità), viene rilasciato un'oggetto. Quasi sempre l'oggetto in questione è un'ofuda blu, ma potreste essere fortunati e guadagnare anche qualcos'altro.
  • Gli Otama continuano ad apparire fino a quando non raggiungete il ponte. Sul ponte arrivano gli Hashiritai. Compaiono da un'angolo saltando in diagonale e attraversando lo schermo. Raramente Sayo-chan si trova ad affrontarli in modo diretto. Questi mostri hanno la tendenza a saltare verso destra, fuori dalla portata del suo raggio d'attacco. E' buona cosa assicurarsi comunque che Sayo non rimanga nel raggio d'azione degli Hashiritai durante il loro passaggio.
  • Recuperate prontamente la chiave al centro del ponte. Raccoglietela per fare in modo che dopo vi sia possibile avere accesso nell'area boss. Subito dopo, lo scenario interrompe lo scorrimento verso l'alto, per iniziarlo verso destra. In questo punto del gioco c'è la possibilità di recuperare molti power-up, tramite l'utilizzo di un piccolo trucco. Se non siete riusciti a recuperare almeno il power-up dell'ofuda giallo, si consiglia di stazionare in questo punto e tentare di ottenerlo


Spara agli ortaggi per guadagnare dei
power-up ofuda.


  • I Bake Uri, gli spiriti travestiti da zucche, volano fuori dal pozzo quando Sayo si ferma in determinate posizioni. Se Sayo riesce a posizionarsi in un punto predefinito, i Bake Uri escono dal pozzo continuamente. Se procedete eliminandoli in gran numero, è possibile notare che ogni tanto le zucche vengono sostituite da altre verdure. Trattate anche questi ortaggi con l'asta purificatrice, e vedrete scendere nuovi ofuda e diversi power-up. La rapa rilascia l'ofuda blu, il ravanello rilascia l'ofuda rosso, la carota rilascia l'ofuda giallo e la barbabietola rossa rilascia il doppio ofuda. Se riuscite a rimanere in quel punto abbastanza a lungo, continuando a spazzare e sparare alle verdure, senza causare l'apparizione dell'Anello Di Fuoco, alla fine vedrete una cipolla. Sparando alla cipolla vedrete cadere un'asta di purificazione (il Gohei), raccoglietela per far guadagnare a Sayo una vita extra. L'ordine di apparizione di questi particolari ortaggi è il seguente: rapa, rapa, rapa, ravanello, carota, barbabietola rossa, ravanello, barbabietola rossa, cipolla. È consigliabile rimanere il tempo necessario per raccogliere almeno l'ofuda rosso, l'ofuda giallo e il doppio ofuda.


Attenzione al mostro Ogei. Il boss si
trova poco più sotto.


  • Continuate il percorso verso destra e dopo un breve tratto si incontra una piccola costruzione tipica del Giappone Feudale. E' il luogo dove risiede il mostro Ogei. Questo demone è in grado di allungare il collo fuori dalla costruzione, in una delle quattro direzioni cardinali, nel tentativo di agguantare Sayo e mangiarsela. E' possibile sparare alla testa per eliminarlo o evitare del tutto la costruzione. Appena avrete identificato questo edificio, iniziate a scendere verso il basso, per raggiungere la zona del boss.


Boss: Zuzu

Il boss della fase 1. Zuzu.


  • Il boss della prima fase è comunemente conosciuto come un mametou (letteralmente testa di fagiolo). Il suo nome è Zuzu. Vaga avanti e indietro in semicerchio lungo la metà superiore dello schermo. Per combattere questo boss, Sayo può rimanere tranquillamente nella metà inferiore dello schermo, e sparare lungo il centro. Di tanto in tanto, Zuzu pesca dalla sua ciotola dei fagioli e li lancia verso Sayo. Spesso li getta a gruppi di tre, e ogni tanto a gruppi di due. Muovete Sayo quanto basta per evitare di essere colpiti dai fagioli lanciati, e riprendete a colpire Zuzu con gli ofuda. Se rimanete nei pressi del centro, dovreste essere in grado di sconfiggerlo con il minimo sforzo e senza muovervi troppo.
  • Una volta finito il gioco, se riuscite ad arrivare di nuovo a questo boss, si può notare che Zuzu è diventato molto più difficile da affrontare. Prima di tutto lancia i fagioli sempre a gruppi di tre. Sono raggruppati più vicini rispetto a prima, rendendo molto più difficoltose le manovre elusive da parte di Sayo. Come risultato cambia totalmente la strategia di attacco. Per sconfiggerlo è più saggio attaccare Zuzu diagonalmente, ai lati dello schermo. In questo modo i fagioli lanciati in diagonale sono molto più facili da schivare. Cercate sempre di avere lo spazio necessario per poter passare nelle fessure create tra un gruppo di fagioli e l'altro, rimanendo il più possibile a distanza dal boss.


Daikokuten


  • Sconfiggendo Zuzu, è possibile salvare Daikokuten. Daikokuten è normalmente considerato come il dio della ricchezza, o della famiglia, in particolare del focolare domestico. E' facilmente riconoscibile dal suo viso largo, sorridente, con un cappello piatto sulla testa. Viene spesso raffigurato in possesso di un martello d'oro chiamato ”Uchide Nokozuchi”, altrimenti noto come il ”Maglio del Denaro Magico”. Alcune illustrazioni lo ritraggono seduto su balle di riso.


Fase 2

  • Ricordate che da questo punto in poi, a meno che il vostro ofuda non raggiunga come gittata la fine dello schermo, non è consigliabile recuperare altri ofuda blu. Se ne raccogliete più di quanti ne avrete bisogno, la resistenza del boss di fine livello aumenta, e ci vorranno più colpi per sconfiggerlo.


Recupera il cristallo ed evita i Kasabe.


  • Appena iniziate la seconda fase è possibile recuperare un cristallo blu sul lato opposto dello schermo, dove si trova la prima lanterna. I nuovi nemici a ombrello, i Kasabe, iniziano subito a comparire. Quando appaiono, circondano Sayo-chan e si portano a distanza di sicurezza tutte le volte che si utilizza l'asta di purificazione. Se rimangono a lungo sullo schermo si chiudono, dirigendosi verso Sayo come dei proiettili. Dal momento che i Kasabe si muovono con lo stesso passo della sacerdotessa, è generalmente semplice eliminarli sparando con l'ofuda in diagonale. Se siete diretti verso il basso, sparate i vostri ofuda in basso a destra e in basso a sinistra continuamente, sarete in grado di eliminarli in fretta, sia quando si avvicinano, sia quando vi circondano.
  • Dopo l'attraversamento di un ponte, avrete la possibilità di scegliere se attraversare un ponte stretto a sinistra, o un ponte più largo a destra. Dopo averli attraversati troverete un ofuda blu. E' nascosto nel punto dove i sentieri di pietra si ricollegano. Ancora meglio, più in basso c'è un doppio ofuda nascosto. Lo potete recuperare sparando sotto la lanterna che si trova alla destra del pozzo che incontrate. Se non avete ancora recuperato il doppio ofuda, assicuratevi di farlo adesso, aumenterete così la velocità della vostra arma.
  • Continuate la strada verso il basso, fino a che lo schermo non smette di scorrere. Poi lo scorrimento riprende il senso verso sinistra. C'è un oggetto nascosto sotto la statua a destra. Normalmente è un cristallo giallo. Tuttavia, se riuscirete ad ottenere dal vostro punteggio globale sia le centinaia che le decine pari allo zero, guadagnerete una vita extra. Ottenere questa combinazione non è così difficile come sembra. In questa zona si incontrano i fantasmini Puka Puka e gli zombie Garakotsu. I fantasmini valgono 200 punti quando vengono colpiti dagli ofuda, e 100 punti quando vengono spazzati via con l'asta di purificazione. Gli zombie valgono 100 punti con gli ofuda, e 50 punti con l'asta purificatrice. Continuate ad attaccare i nemici fino a quando la parte finale del punteggio segna una cifra pari a “000”. Poi sparate verso il terreno nel punto che si trova sotto la statua, e potrete recuperare una vita extra. Ricordate che anche il cristallo giallo di per sé è molto utile, quindi a voi la scelta su cosa volete recuperare. Basta solo che non rimaniate fermi troppo a lungo in questo punto, l'Anello Di Fuoco è sempre in agguato.


Guadagna una vita extra al posto del
cristallo.


  • Iniziate a muovervi verso sinistra e vedrete una lanterna nei pressi della parte superiore dello schermo. Sparate verso il terreno a destra della lanterna per rivelare un ofuda rosso. Questo permette al vostro ofuda di passare attraverso il nemico. Ciò sarà utile poichè i nemici Bake Chouchin iniziano velocemente a comparire. Queste piccole lanterne gialle non sono particolarmente pericolose. Fluttuano sullo schermo per un pò, fino a quando non avvertono che Sayo è nelle loro vicinanze. In quel momento lanciano una palla di fuoco verso di lei, poi corrono fuori dallo schermo. Se il vostro ofuda è in grado di sparare abbastanza lontano, dovreste avere la possibilità di eliminarli prima che possano colpire Sayo.


Un ofuda nascosto si trova a sinistra
della chiave.


  • Verso la fine troverete la chiave del boss di livello. E' situata in un angolo con alcuni muri intorno. A sinistra di quest'ultima potrete recuperare un altro ofuda blu nascosto. Per farlo basta semplicemente sparare all'inizio dell'unico muro verticale, che si estende dalla parte inferiore dello schermo. Da quel punto, la distanza per raggiungere il boss di livello è davvero breve.


Boss: Raidenou

Il boss della fase 2. Raidenou.


  • Il boss della seconda fase è il Re Del Fulmine, Raidenou. Arriva sullo schermo fluttuando su una nube tonante. Ha due diversi attacchi davvero fulminei. Dalla sua mano sinistra (sul lato destro dello schermo), può lanciare un grande fulmine che viaggia a breve distanza, colpisce il suolo, e genera un fuoco dove è atterrato. Il fuoco rimane sullo schermo per qualche secondo e deve essere evitato. Dalla sua mano destra (lato sinistro dello schermo), lancia piccoli fulmini che viaggiano attraversando tutto lo schermo, fino a scomparire.
  • La prima volta che vi trovate faccia a faccia con Raidenou non è necessario usare una strategia particolare, specialmente quando il vostro ofuda è in grado di sparare abbastanza lontano. Rimanete in fondo allo schermo e sparate verso l'alto. In questo modo dovreste essere al sicuro e fuori dalla portata dei suoi attacchi. Ovviamente fate attenzione ai fuochi che si generano con l'impatto dei suoi fulmini. Dalla parte bassa dello schermo poi, è possibile smettere di sparare al momento opportuno, schivare i piccoli fulmini e ricominciare a bersagliare il boss. La seconda volta che lo affrontate appare molto più aggressivo, aumentando la velocità dei suoi piccoli fulmini e rendendo la fase elusiva molto più difficile. Dovrete essere assolutamente preparati e avere riflessi fulminei quando inizia a scagliarveli contro.


Hotei


  • La divinità che salvate questa volta è Hotei. Come Daikokuten, egli rappresenta la ricchezza, ma è anche il dio della risata, della felicità e dell'esser contento in generale di quello che hai. Egli è raffigurato come un uomo grasso, calvo e sorridente con un sacco di riso sulle spalle che non non si svuota mai e con il quale nutre gli affamati e i bisognosi. Il suo ruolo è di proteggere i deboli, i poveri e i bambini. Egli porta i suoi pochi averi in un sacco di stoffa, sono poveri ma il loro contenuto è di gran valore umano. E' ammirato in generale per la sua felicità, saggezza e abbondanza.


Fase 3

  • All'inizio di questa fase procedete verso l'alto. Non appena si inizia a scorgere la strada incontrate i Minojii, dei demoni con l'aspetto di giganteschi bambini. Tendono a comparire in gruppi da due o tre unità. Eliminateli prima di proseguire in avanti. Non è raro che mentre attaccate i Minojii verso l'alto, molti zombie Garakotsu vi inseguano da dietro.


I Rin Rin si uniscono ai Minojii più
avanti in questa fase.


  • Subito dopo, anche il nemico Rin Rin appare sullo schermo per confrontarsi con Sayo-chan. I Rin Rin avanzano a breve distanza e poi lanciano dei proiettili nella vostra direzione. E' consigliabile eliminarli prima che effettuino il loro attacco. Se gli capita di utilizzare le loro armi contro di voi, il vostro talismano ofuda è in grado di annullare l'effetto dei loro proiettili.
  • Dopo aver percorso un tratto relativamente lungo, vedrete una lanterna a sinistra di un breve sentiero, con una statua sul lato destro. (Questa si trova poco prima della fine dello scorrimento verso l'alto e l'inizio dello scorrimento a sinistra). Se sparate al terreno sottostante la statua, potrete recuperare un cristallo blu. Raccoglietelo con attenzione per non rischiare di rimanere intrappolati nel vicolo.
  • Dopo aver attraversato varie pareti in pietra, lo schermo inizia a scorrere verso sinistra. Vedrete un pozzo sullo sfondo e una piccola costruzione tipicamente giapponese contenente un Ogei (il demone dal lungo collo con la testa di una ragazza). C'è una fila di statue lungo la parte superiore dello schermo. Una buona strategia è quella di passare sopra le statue per evitare l'attacco dell'Ogei. Mentre le attraversate, lanciate il vostro ofuda in basso a sinistra. Dovreste essere in grado di colpire un gruppo di Otama che volano per la schermata.


Cammina sopra le statue per evitare il
lungo collo di Ogei.


  • Da li a poco lo schermo smette di scorrere a sinistra, e inizia a scrollare verso il basso. Raggiungerete un'altra costruzione con dentro un Ogei. La chiave per raggiungere il boss di livello si trova direttamente sotto la costruzione. Eliminate con attenzione l'Ogei prima di recuperare la chiave.
  • Al di sotto della costruzione incontrerete i vostri primi Nyoro Nyoro, i serpenti spirituali. Sono facilmente eliminabili, ma assicuratevi di non farli strisciare troppo a lungo, in quanto possono raggiungere Sayo piuttosto rapidamente. I Nyoro Nyoro hanno la capacità di inseguire la sacerdotessa per tutto lo schermo se gli viene data questa possibilità. Passando nei pressi di un altro pozzo lungo la strada, state in guardia da tutti i Bake Uri che ne fuoriescono.


Eliminare l'Ogei prima di recuperare
la chiave.


  • Un motivo di preoccupazione in questa parte della fase è dato dal fatto che i Puka Puka incontrati sparano proiettili a volontà verso Sayo-chan. A differenza dei Rin Rin, non è possibile annullare i loro colpi con gli ofuda. L'altro problema è che i colpi dei Puka Puka vengono lanciati con un breve ritardo, mettendo a rischio la sicurezza della piccola sacerdotessa. Se Sayo-chan si trova su un lato dello schermo, diventa ancora più difficile schivare i colpi, peggio ancora se si trova nei pressi di una parete. Fate fuoco continuamente verso il centro dello schermo per eliminare la maggior parte dei nemici e sparate in diagonale per far fuori tutti i ritardatari rimasti. Se necessario, interrompete l'attacco, avanzate leggermente per avere l'area di gioco sotto controllo e riprendete l'avanzata quando lo schermo è sgombro dai nemici (tranne ovviamente che per gli zombie Garakotsu).
  • Se capite che state per essere sopraffatti, o che il contatto con il nemico o uno dei loro proiettili è imminente, è possibile utilizzare uno dei cristalli raccolti. Quest'azione potrebbe ridurre notevolmente lo sforzo richiesto per raggiungere il boss, per il breve tratto rimasto. Tuttavia, conservare i cristalli per utilizzarli nelle fasi più avanzate potrebbe rivelarsi un'idea migliore.


Boss: Senzan

Il boss della fase 3. Senzan.


  • Il boss della terza fase è un Senzan, che si traduce approssimativamente come il mago della montagna. Ha due attacchi. Dal suo naso emette un getto di fiamma che viaggia verso il basso. Dalle sue mani genera una raffica di vento che si sposta in diagonale e spinge Sayo-chan verso il muro, intrappolandola. Inoltre, utilizza sempre le mani per attaccare Sayo quando è nelle sue vicinanze.
  • Quando affrontate Senzan, cercate sempre di mirare a colpire uno dei suoi zoccoli. Questo dovrebbe tenervi lontano dal centro, ed evitare così di essere colpiti dal getto di fiamma. Non rimanete troppo lontani però o rischierete di essere travolti dagli attacchi di vento generati dal mostro. Rimanete sempre al di sotto di lui, non tentate di andare verso la parte superiore o verrete catturati. Se riuscirete a finire il gioco, la seconda volta che lo incontrate non avrete bisogno dio studiare una nuova strategia, quella che avete già utilizzato funzionerà di nuovo.


Ebisu


  • La divinità che salvate dal boss Senzan è Ebisu. Ebisu è il patrono dei pescatori e li favorisce con una buona pesca. Garantisce anche viaggi sicuri per tutti i marittimi, perché egli stesso è arrivato in Giappone dal mare. In campagna, è considerato il guardiano dei campi di riso e dell'agricoltura in generale. Mercanti, ristoratori, agricoltori e altri commercianti hanno adottato Ebisu per la prosperità, in cambio del loro duro lavoro. Tutte queste cose lo rendono il più popolare dei sette dèi.


Fase 4

  • Questa fase inizia camminando verso sinistra, e procede in questa direzione per un lungo tratto. Viene introdotto un nuovo nemico, i Toosenbou. Sembrano una sorta di lapidi che camminano. Pattugliano una determinata zona, si muovono su e giù per lo schermo e cercano di allinearsi con il movimento di Sayo-chan. Quando quest'ultima gli passa davanti (sia sopra che sotto), caricano nella sua direzione, tentando di schiacciarla. Il loro attacco si conclude cadendo giù all'ultimo momento, frantumandosi al suolo. E' possibile provare a correre per tirarsi fuori dal loro raggio di azione, ma la strategia migliore è quella di attaccarli e distruggerli invece di passargli davanti.


I Toosenbou cercano di cadervi sopra
quando gli passate accanto.


  • A peggiorare le cose ci sono un numero molto maggiore di Puka Puka e Rumuru che si aggirano per lo schermo. Se anche un solo Rumuru si aggrappa alle gambe di Sayo, la rallenta abbastanza da impedirgli di schivare le cadute dei Toosenbou. Anche se non ci sono Toosenbou nei paraggi, i Rumuru possono rappresentare ugualmente un pericolo, in quanto i numerosi Puka Puka che sopraggiungono riempiono lo schermo di proiettili letali. Ricordate che, se farete aggrappare troppi Rumuru su Sayo, non potrete liberarvene fino a quasi la fine della fase, dove troverete dei torii. L'alternativa è quella di passare attorno alle varie lanterne, nel difficile tentativo di separarli dalla sacerdotessa.
  • Per quanto allettante possa sembrare lo scatenarsi attraverso questa fase, prima di procedere è importante fermarsi ogni tanto e ripulire lo schermo di quanti più nemici è possibile. Utilizzare l'asta purificatrice a volte può essere più efficace che sparare contro i nemici.
  • In questo tratto è necessario attraversare una serie di ponti. Ovviamente i ponti più larghi sono più sicuri da percorrere, ma a volte quelli più piccoli conducono a zone dello schermo più libere. Decidete quale percorso affrontare con attenzione. L'Hashiritai (lo strano pesce saltellante) inizia a comparire appena attraversate i ponti. Questi mostri rappresentano un problema se rimanete bloccati su un ponte. Normalmente gli Hashititai non rappresentano una minaccia, ma con uno spazio limitato per correre è necessario aumentare notevolmente il livello di attenzione quando si avvicinano.


Attivare il cristallo blu in questo punto
e recuperare la chiave.


  • Per proseguire nella fase è necessario attraversare tre pozzi dai quali fuoriescono i meloni Baku Uri. Tutto il livello è impostato in modo tale da costringervi a passare in prossimità dei sopracitati pozzi. Questo comporta il rischio di essere colpiti mentre vi avvicinate. Una buona strategia è quella prendere un pò di tempo per passare in tutta sicurezza attorno ai pozzi. Per limitare il rischio è possibile utilizzare anche uno dei cristalli blu per congelare momentaneamente le azioni dei nemici su schermo. Se si riesce a passare incolumi il primo pozzo, il momento migliore per attivare il cristallo è dopo aver passato il secondo, possibilmente il più vicino possibile al terzo. Il congelamento dei nemici consente di recuperare la chiave della fase posizionata sotto al terzo pozzo, senza il rischio di essere colpiti dai Baku Uri. Inoltre, se il cristallo viene utilizzato prima della linea finale composta da Toosenbou, sarete in grado di oltrepassarli senza nessun danno.


Non perdere questo cristallo nascosto
prima del torii.


  • Appena raggiunto il bordo sinistro della fase, vedrete un pozzo in alto a sinistra e un torii più sotto con tre statue. Sparando verso la statua in alto a destra, potrete recuperare un cristallo blu. La statua in basso a sinistra contiene invece un ofuda blu. Questo significa che se non sparate correttamente, rischiate di far sparire il cristallo blu. Questo succede perchè non è possibile visualizzare sullo schermo più di un power-up alla volta. In questo punto lo scorrimento dello schermo continua verso il basso, dove troverete una costruzione con un Ogei dentro. E' possibile eliminarlo o evitarlo. Preparatevi ad affrontare un gruppo di Bake Chouchin prima di raggiungere la stanza del boss.


Boss: Sanba

Il boss della fase 4. Sanba.


  • Il boss della terza fase si chiama Sanba. E' un demone femmina conosciuto come la megera della montagna. Ha un solo tipo di attacco, ma è piuttosto letale. Lancia da entrambe le sue mani dei set di coltelli (tre o cinque alla volta), che si propagano a ventaglio in varie direzioni. Per sopravvivere a questi attacchi è necessario mantenere una certa distanza, e passare in mezzo agli spazi che si creano quando il ventaglio dei coltelli lanciati si apre.
  • Per avere la meglio su Sanba, la strategia migliore è quella di restare nella parte bassa dello schermo il più possibile (sempre ammesso che abbiate raccolto abbastanza ofuda blu da poterli lanciare lontano), e sparare rapidamente verso l'alto. Date priorità agli spostamenti quando Sanba lancia i suoi coltelli, e poi riprendete subito a bersagliare il boss, fino a che non è sconfitto. Sanba non è particolarmente veloce nei movimenti, quindi dovrete riprendere posizione molto raramente mentre cercate di colpirla. Se avete il fuoco rapido, potrete batterla in brevissimo tempo. La strategia non cambia quando la incontrate per la seconda volta.


Benzaiten


  • La dea che salvate da Sanba è Benzaiten. E' l'unica divinità femminile delle sette divinità della fortuna. Lei è la dea della fortuna, l'amore, l'eloquenza, l'educazione, le arti, la scienza ed è inoltre la patrona di studenti, artisti, geishe e animatori del settore mangia e bevi. Le sue virtù includono anche la felicità, la prosperità e la longevità. Protegge dai disastri naturali e dona la saggezza per avere successo nelle battaglie.


Fase 5

  • Questa fase inizia con lo scorrimento dello schermo verso il basso. Affrontate gli quadroni di Puka Puka e Rin Rin, che attaccano subito la piccola Sayo-chan. Ricordate che i colpi dei Rin Rin possono essere bloccati con l'ofuda, mentre quelli dei Puka Puka no. Più in basso, alcuni Minoji si uniscono alla battaglia. Mentre procedete verso il fondo del primo tratto della fase, preparatevi ad ottenere una combinazione di tre zeri nella parte finale del vostro punteggio. C'è una statua nel punto in cui lo scorrimento dello schermo passa a scrollare verso destra. Sparando sul terreno sotto di essa solitamente si riceve un cristallo giallo. Se il vostro punteggio invece riporta i tre zeri nella parte finale, allora si guadagna una vita extra. Ricordate che i Puka Puka valgono 200 punti con gli ofuda e 100 punti con l'asta purificatrice. Se aspettate che risorga dal terreno lo zombie Garakotsu, potrete abbatterlo con l'ofuda per guadagnare 100 punti o con l'asta purificatrice per 50 punti. Si guadagnano 50 punti anche intercettando i colpi lanciati dai Rin Rin. Ricordatevi solo di non stazionare a lungo in quel punto, il mortale Anello Di Fuoco è sempre in agguato.


Guadagna questo extra se riesci ad
ottenere tre zeri alla fine del
tuo punteggio.


  • Non appena lo schermo inizia a scorrere verso destra, un nuovo nemico appare a dar battaglia. Insieme ai Puka Puka e ad alcuni Bake Chouchin, si incontra anche il lanciatore di pietre Younebaa. Questi demoni sono stazionari e non attaccano muovendosi verso Sayo-chan, ma sono ugualmente letali. Il loro attacco è composto dal lancio continuo di pietre. Alcuni di loro sono posizionati al di sopra di alcune scogliere, per effettuare micidiali attacchi dall'alto. Per eliminarli, l'ofuda è ancora un'ottima arma in ogni caso. Più avanti nella fase si unisce in battaglia anche il demone-lapide Toosenbou. Rimanete relativamente in alto per lanciare gli ofuda, prima di tentare il passaggio sotto di loro.


Attenzione al nuovo nemico, il
lanciatore di pietre Younebaa.


  • Non appena appare la struttura di un torii, lo schermo si ferma, per iniziare il suo scorrimento nuovamente verso il basso. Il pozzo vicino genera diversi Bake Uri. Procedete verso il basso per affrontare una nuova minaccia, i fuochi fatui. Si tratta di fiamme azzurre invincibili (molto simili a quelle dell'Anello di Fuoco), che fluttuano dal fondo dell'area di gioco verso l'alto. Si spostano con un movimento prefissato a onda, occupando il lato destro e sinistro dello schermo durante il loro volo. Ogni fuoco segue quello precedente, distaccandolo di pochissimo spazio. L'effetto creato dal loro movimento (non particolarmente veloce), crea delle zone di salvezza in cui Sayo-chan deve necessariamente stazionare, mentre combatte allo stesso tempo contro Minoji e Puka Puka.


Schiva le fiamme dei fuochi fatui.


  • Superata la sezione con i fuochi fatui si arriva nei pressi di una costruzione. All'interno risiede la ragazza demone dal lungo collo Ogei. Come è facile notare, le uscite del demone dalla capanna sono molto più veloci. Si consiglia di rimuovere l'Ogei prima di procedere, e allo stesso tempo tenere sotto tiro tutti i nemici circostanti. Il percorso intorno alla costruzione è stretto, quindi fate maggiore attenzione prima di avanzare. Con l'eliminazione dell'Ogei, si ha più tempo per recuperare la chiave della fase. I nemici continuano ad apparire in modo costante, fino all'arrivo nell'arena, dove è in attesa il boss di livello.


Boss: Soujusou

Il boss della fase 5. Soujusou.


  • Il boss della quinta fase è un monaco di preghiera diventato malvagio. Il suo nome è Soujusou. Invece di indossare il rosario come ogni buon monaco dovrebbe fare, lo utilizza come una frusta. La frusta-rosario è impugnata nella mano destra, quindi il boss effettua l'attacco sul lato sinistro. Inoltre, quando la frusta-rosario è completamente distesa, è in grado di raggiungere una buona distanza quando attraversa lo schermo. Questo rende necessario portare la maggior parte degli attacchi a debita distanza di sicurezza. A peggiorare le cose, Soujusou è vulnerabile agli attacchi solo quando i suoi occhi sono aperti.
  • Iniziate a sparare al boss appena appare. Soujusou inizia a scendere verso il basso, posizionandosi sulla zona destra dello schermo. Se capite di essere nel raggio d'azione della sua frusta, smettete di sparare e allontanatevi da lui. Il boss inizia così il suo lento movimento verso sinistra. Stazionando per un pò in basso a sinistra, è possibile effettivamente battere il boss, prima che questi abbia di nuovo la possibilità di attaccare. Il tutto dipende ovviamente dalla velocità con cui vengono lanciati gli ofuda. Se non è possibile batterlo in tempo, è necessario passare velocemente nella parte superiore dello schermo. Soujusou inizia un nuovo movimento, spostandosi verso l'angolo alto dello schermo. Assicuratevi di non trovarvi nel suo raggio d'azione. Una volta capito il suo movimento, è possibile attaccarlo anche in diagonale. La seconda volta che si incontra questo boss, dopo aver finito il gioco, si può notare che i suoi movimenti sono un pò più veloci. Di conseguenza gli attacchi di Sayo devono essere portati ad una maggiore distanza di sicurezza.


Fukurokuju


  • La divinità che salvate questa volta è Fukurokuju. Fukurokuju rappresenta la felicità, la prosperità, la longevità e la saggezza. Solitamente è raffigurato con una testa calva molto alta e bombata, con una lunga barba bianca (simbolo di grande saggezza e longevità). Lo si vede a volte portare un bastone e una pergamena sulla quale è trascritta l'intera sapienza del mondo.


Fase 6

  • La sesta fase è piuttosto lunga, i nemici appaiono e attaccano fin dall'inizio. Tra questi ci sono dei Puka Puka e alcuni Toosenbou, che si muovono nella parte superiore dello schermo. Poco dopo l'inizio della fase, appaiono tre statue posizionate sulla sinistra di una costruzione che contiene un Ogei (la ragazza demone dal lungo collo). La statua centrale è speciale. Normalmente contiene un cristallo giallo. Questo significa che, se si riesce a ottenere le tre cifre finali del punteggio pari a zero, al posto del cristallo appare una vita extra. A questo punto, si hanno tutte le conoscenze necessarie per ottenere questo risultato. Utilizzare i Puka Puka, i Minojii, e i Garakotsu per “aggiustare” il punteggio, e poi colpire la statua con un colpo di ofuda. Senza dubbio il cristallo giallo è un'ottima arma, ma da questo punto in poi il gioco inizia davvero a farsi difficile e forse avere una vita di scorta in più è preferibile a tutto il resto.


Se il punteggio non finisce con “000”,
al posto del Gohei trovate un
cristallo giallo.


  • Una volta raccolto l'oggetto, camminate in modo sicuro sotto la costruzione dell'Ogei. Appaiono altri pozzi, e lo schermo si riempie in breve tempo di Bake Uri e Bake Chouchin. Fate attenzione quando Sayo-chan passa intorno ai due pozzi e procedete spediti verso il lato destro dello scenario. In quel punto, lo schermo inizia a scorrere verso l'alto.
  • Camminando verso l'alto è possibile notare un gran numero di pozzi. Oltre ai Puka Puka che fluttuano nell'area di gioco, è necessario tenere costantemente sotto controllo i Bake Uri. Questi ultimi fuoriescono in continuazione dai pozzi quando Sayo-chan ci si avvicina. Una buona strategia è quella di agitare continuamente l'asta purificatrice, quando Sayo-chan si trova vicino ad essi. Questo non garantisce la sicurezza assoluta, ma aumenta molto le probabilità di sopravvivenza durante questo difficile passaggio. Un altro buon consiglio è quello di scegliere un lato dello schermo e correre senza fermarsi per attaccare i nemici in arrivo (ovviamente valutare bene se questo è possibile). Se avete ulteriori difficoltà, è possibile utilizzare un cristallo blu e bloccare tutti i nemici. Ora la strada per qualche secondo è molto più sicura.


Prestare attenzione ai pozzi in questo
stretto passaggio.


  • Raggiunta la cima vedrete un Minoji e forse qualche sporadico Rin Rin. Lo schermo inizia a scorrere verso destra. Nell'area successiva è possibile notare numerose scale che, provando ad attraversarle, impediscono di andare in determinate direzioni. Gli attacchi principali sono portati dai Puka Puka e dai demoni-ombrello Kasabe. Assicuratevi di attaccare i Kasabe, prima che invadano l'area di gioco. Alla destra di un pozzo c'è la chiave della fase. Il pericolo durante la raccolta di quest'oggetto è rappresentato dai Bake Uri, che fuoriescono dal pozzo continuamente. Non tentate di raccogliere la chiave passando direttamente davanti al pozzo. Utilizzate invece le scale che si trovano direttamente sotto al pozzo. Salite, recuperate la chiave a destra, e scendete velocemente. Questo approccio è molto più sicuro.


Raccogliere la chiave sulla destra per
essere al sicuro.


  • Dopo aver raccolto la chiave, fate attenzione a tutti gli Hashiritai (lo strano pesce saltellante) che compaiono nella parte alta dello schermo. Subito dopo, lo schermo torna a scorrere di nuovo verso l'alto. In questo tratto della fase, nell'angolo in basso a destra, c'è una statua. Sparate con gli ofuda verso la statua e recuperate un altro cristallo blu. Ora muovetevi verso l'alto. L'ultimo tratto finale della fase presenta un gran numero di serpenti Nyoro Nyoro. Fate del vostro meglio per eliminarli (insieme ad altri nemici), attraversate i ponti, e fatevi strada verso il boss di livello.


Boss: Mabikon

Il boss della fase 6. Mabikon.


  • Il boss della sesta fase è un demone-volpe noto come Mao Kitsune o più comunemente come demone dalla coda di volpe. Il suo nome è Mabikon, ed e munito di sette code che utilizza in modo specifico durante la battaglia. Ogni volta che rimane seduto e in attesa, agita le sue code provocando un effetto simile all'asta di purificazione di Sayo-chan. Questo movimento è in grado di deviare molti degli attacchi ofuda lanciati dalla piccola sacerdotessa, rendendo Mabikon praticamente invulnerabile. Per danneggiarlo è necessario attendere un suo movimento da una parte all'altra dello schermo. Questo è l'unico momento in cui il boss non agita la coda, e di conseguenza la vostra unica possibilità per colpirlo.
  • Mabikon cambia spesso la sua posizione durante il combattimento. L'occasione buona per attaccarlo è proprio durante il suo movimento. Non è interessato particolarmente alla posizione di Sayo-chan, ma è sempre meglio mantenere da lui una certa distanza di sicurezza. Durante la lotta, appaiono sullo schermo delle piccole volpi bianche, che tentano di fermare gli attacchi di Sayo-chan verso il loro leader. Possono essere facilmente eliminate a colpi di ofuda. La strategia migliore è quella di contenere il loro assalto, per evitare di venire sopraffatti numericamente. Purtroppo Mabikon non è un boss che può essere eliminato velocemente, è necessario attaccarlo costantemente, sfruttare le sue vulnerabilità, ed avere tanta pazienza. La seconda volta che lo si affronta, risulta molto più veloce nei movimenti. Questo fornisce una finestra d'azione più ridotta per mettere a segno i vari attacchi. Anche in questo caso, pazienza e attenzione ripagano della fatica.


Juroujin


  • Juroujin è il nome della divinità della fortuna che salvate da Mabikon. Juroujin è il dio della felicità, della prosperità e della longevità. Di solito è raffigurato con una lunga barba bianca e un cappello da studioso in testa. E' spesso accompagnato da un cervo che svolge la mansione di messaggero. Porta con se anche un bastone e una pergamena contenente il segreto della longevità.


Fase 7

  • Come si inizia il movimento verso sinistra, dei Puka Puka compaiono sullo schermo quasi immediatamente. Prima di avanzare ulteriormente nella fase, assicuratevi di averli eliminati tutti. Lo scenario è molto simile all'area delle scalinate dove avete raccolto la chiave, nella fase precedente.


Scrollarsi da dosso tutti i Rumuru che
si aggrappano.


  • Durante il percorso verso sinistra, molti Rumuru iniziano ad apparire. Se si dispone di tre o quattro cristalli blu in inventario, non è una cattiva idea utilizzarne uno in questo punto. Se non è possibile utilizzare il cristallo per bloccare il tempo, sfruttare le barriere messe a disposizione dallo scenario ed eliminare i Rumuru, prima che abbiano la possibilità di afferrare Sayo-chan e rallentarla. La parte superiore delle schermo può garantire un pò di sicurezza, ma se si dispone di power-up sufficientemente potenziati, l'eliminazione dei nemici è abbastanza agevole in qualsiasi punto. Assicuratevi di sparare sempre in diagonale durante il movimento.
  • Raggiunto il limite sinistro della fase, lo schermo inizia a scorrere verso l'alto. Se ci sono ancora Rumuru aggrappati alle spalle di Sayo-chan, utilizzare l'aperura del muro in alto per cercare di disperderli. La breve passeggiata conduce verso una serie di ponti in legno. Il transito sopra di essi crea grandi problemi nei movimenti. I Rumuru continuano il loro assalto con l'obiettivo di rallentare Sayo-chan, quindi fare molta attenzione. Prima di andare avanti, dare priorità nell'eliminazione dei Rumuru che si trovano sullo stesso ponte dove transita Sayo-chan, poi attaccare quelli più distanti verso i corsi d'acqua.
  • Raggiunta la cima di questo tratto, lo schermo inizia a scorrere verso destra. Il passaggio avviene sempre sopra i ponti di legno, attenzione ai passaggi più stretti. I Bake Chouchin appaiono in gran numero in questo punto. E' necessario tentare di eliminarli prima che inizino a lanciare le loro piccole fiamme. Se non si riesce a eliminarne un numero sufficiente, lo schermo si riempie di colpi e nemici, e proseguire diventa quasi impossibile. Allo stesso tempo, anche i fantasmini Puka Puka interferiscono con l'azione già caotica di questa parte della fase.
  • Dopo aver percorso un breve tratto sulla destra, lo schermo inizia a muoversi verso l'alto. In questo punto ci sono un paio di Otama fluttuanti intorno alla banchina, insieme a qualche Puka Puka. Non è necessario eliminarli tutti, a meno che non siate particolarmente scarsi con l'aggiornamento della vostra arma ofuda. L'obiettivo da tenere strettamente sott'occhio è la chiave appoggiata sopra il bordo della banchina, sul lato sinistro. Sgombrare l'area sovrastante prima di avanzare e recuperare la chiave.


Fare attenzione durante il recupero
della chiave in bilico.


  • Dopo aver raccolto la chiave, continuare ad attraversare i ponti, fino a ritornare sulla terraferma. Nel tragitto si devono affrontare solo alcune file di Puka Puka. E' una buona strategia prendere i ponti a sinistra e procedere verso l'alto. I fantasmi sparano i loro colpi verso il basso, al fianco di dove è posizionata Sayo-chan. Dopo aver schivato in modo sicuro i vari colpi, è possibile sparare ed eliminare la maggior parte dei Puka Puka. Qualunque cosa succeda, non è consigliabile arrestare il vostro movimento verso l'alto, aumenta le probabilità di essere colpiti.
  • Ben presto si ritorna sulla terraferma con l'arrivo di nemici ormai ben noti come i Minoji e i Rin Rin. Oltrepassare un pozzo con dei Bake Uri all'interno e raggiungere la costruzione con dentro un Ogei. Eliminare l'Ogei o semplicemente passare intorno alla costruzione passando sul lato sinistro. Piu avanti ci sono una fila di statue, due di loro rilasciano degli ofuda speciali da raccogliere. La seconda da sinistra ha un ofuda giallo, la quarta, sempre da sinistra, ha un doppio ofuda. Ricordate che può essere visualizzato solo un oggetto speciale alla volta sullo schermo. Quindi, se si tenta di farli apparire entrambi, si perde automaticamente la possibilità di raccogliere il primo oggetto.


La seconda e la quarta statua sulla
sinistra rilasciano ofuda.


  • Appena compaiono le statue, lo schermo smette di scorrere verso l'alto, per riprendere a muoversi verso destra, ma solo per un breve tratto. Non ci sono molti pericoli in questo punto, ma presto lo schermo si ferma di nuovo, per riprendere un'ultima volta il movimento verso l'alto. E' necessario oltrepassare due pozzi e un terzo posizionato sopra ai primi due. Oltre a questi, c'è anche un altra costruzione con un Ogei rifugiato all'interno. La strategia più sicura è quella di camminare lungo il lato destro dello schermo e agitare l'asta purificatrice per difendersi dagli attacchi dei Bake Uri. Rimanere lungo il lato destro fino a raggiungere il muro superiore, eliminare gli ultimi nemici e passare attraverso l'apertura per affrontare il boss di livello.


Boss: Manuke

Il boss della fase 7. Manuke.


  • Il boss della settima tappa è un tanuki di nome Manuke. Gli animali come il tanuki portano un significato storico e culturale in Giappone. Si pensa che abbiano poteri mistici e questo tanuki non è diverso. Manuki ha il potere del travestimento. E' in grado di trasformarsi in una replica quasi perfetta di Sayo-chan! Tuttavia, c'è una differenza evidente nel suo travestimento: la presenza di una coda che lo identifica come un tanuki. Anche se non avrete nessuna difficoltà a discernere la vera Sayo da quella falsa, tenere a mente il fatto che la sua replica è, a tutti gli effetti, un nemico molto pericoloso.
  • Quando è travestito da Sayo-chan, Manuke lancia degli ofuda di colore nero verso la piccola sacerdotessa. Se Sayo viene colpita, si congela sul posto. La strategia preferita di Manuke è quella di congelare Sayo con gli ofuda neri e poi colpirla con la sua asta puricatrice Gohei. Quest'azione lancia la povera Sayo verso una delle pareti, provocando la sua morte. Tuttavia, anche Manuke è suscettibile al Gohei di Sayo, e alla stessa maniera la sacerdotessa può allontanarlo quando lo colpisce. Se Manuke riceve danni consistenti dagli ofuda (o viene lanciato lungo un muro), si trasforma di nuovo in un tanuki. A questo punto, egli tenta di inseguire Sayo per ucciderla, oppure scappare se viene colpito da troppi ofuda. Dopo un breve attimo di tregua, Manuke si trasforma di nuovo in Sayo. Focalizzare l'attacco contro di lui, a prescindere da quale forma assuma e presto anche il tanuki Manuke verrà sconfitto.
  • Nota: Dopo l'avventura che si svolge in questo primo capitolo, Manuke diventa buono e si unisce dalla parte del bene. Nelle successive avventure diventa il partner inseparabile di Sayo-chan. I giocatori americani conoscono Manuke con il suo nome occidentale, Rocky.


Bishamonten


  • Bishamonten è la settima ed ultima divinità della fortuna che salvate dal boss Manuke. Bishamonten è il protettore dei giusti ed è un simbolo di autorità. E' il dio della prosperità (simboleggiato dalla “pagoda dorata”), della guerra, ed è il patrono dei guerrieri (simboleggiati da una corazza difensiva e un'arma offensiva). Egli porta fortuna in battaglia e nelle strategie di difesa.


Fase 7 - Fine?

Le sette divinità della fortuna riunite.


  • Quando eliminate Manuke e liberate Bishimonten, tutte le sette divinità della fortuna sono finalmente riunite. Ma il gioco non è ancora finito. Gli dèi informano Sayo che non hanno una barca per tornare a casa (gli dicono “か な い ん で す け ど !” accanto all'immagine di una barca, il che significa che non ne hanno una). Al fine di completare il gioco, è necessario raggiungere la barca degli dei vista all'inizio del gioco. Subito dopo questa scenetta, inizia l'ottava e ultima fase.


Fase 8

  • La fase 8 risulta particolarmente singolare. Lo scenario scorre all'infinito, a meno che non siano soddisfatte alcune condizioni in modo corretto. Tali requisiti impongono di recuperare tutte e tre le pergamene colorate, nascoste ognuna in una delle tante statue che riempiono l'area di gioco. Fino a quando tutte le pergamene non sono state ritrovate, la fase continua all'infinito. Inoltre, Sayo-chan viene attaccata da gruppi di nemici, che fanno di tutto per tentare di arrestatare il completamento della sua missione finale.


Pergamena rossa.


  • Per scovare i rotoli di pergamena, Sayo deve passare davanti alle varie statue e utilizzare l'asta di purificazione su di loro. Se una delle statue nasconde la pergamena, quest'ultima appare e Sayo può raccoglierla. Questa operazione (“spazzare” ogni statua con il Gohei) deve essere compiuta mentre Sayo affronta o evita il confronto con tutti i nemici che la circondano. I rotoli di pergamena sono situati in posizioni fisse e possono essere recuperate sempre nelle stesse statue ogni volta.


Pergamena blu.


  • Se siete riusciti a conservare un cristallo blu fino al raggiungimento di questa fase, è un ottimo momento per utilizzarlo. Per qualche strana ragione, la natura ciclica di questa fase ha un effetto permamente sull'azione del cristallo, quindi il suo potere non si esaurisce mai, questo fino a quando tutte e tre le pergamene non sono state recuperate. Questo particolare effetto consente a Sayo-chan di arrivare fino alla fine del gioco, senza nessun problema.


Pergamena gialla.


  • Una volta che tutte e tre le pergamene sono state trovate, la fase termina, le statue scorrono ancora una volta e Sayo passa attraverso uno stretto passaggio. Superato il passaggio lo scenario arresta definitivamente il suo scorrimento e Sayo si ferma finalmente davanti alla barca. A questo punto vengono visualizzati i crediti finali e il gioco ricomincia dalla fase 1, con un livello superiore di difficoltà.


Fine del gioco.


Sviluppo

  • Ideato nel 1986 dal game designer della Taito Hisaya Yabusaki, KikiKaiKai, il primo frutto, come già accennato, di una bizzarra commistione tra i numerosi racconti della mitologia nipponica e il futurismo dei videogiochi sparatutto di quell'epoca, offre al giocatore la libertà di movimento nello schermo: egli può dirigersi a piacere in qualsiasi punto della mappa, costituita da semplici elementi decorativi. Questa fu un'altra sua caratteristica peculiare che gli permise di essere apprezzato in tutto il globo, poiché “ruppe” (insieme ad un precedente Commando, simile nello stile e nella presentazione) lo schema dei classici sparatutto suoi coetanei, che costringevano il protagonista a seguire determinati percorsi.
  • Subito dopo il debutto nelle sale giochi giapponesi, per cercare di farlo conoscere negli altri Paesi venne rilasciata una sua versione non autorizzata chiamata Knight Boy, un'esatta copia dell'originale, senza nessun elemento gameplay aggiuntivo, che differisce solo per il titolo.


Colonna sonora

  • La colonna sonora di KikiKaiKai, composta da Hisayoshi Ogura, è molto particolare ed è un altro dei punti forti del gioco. Essa è caratterizzata da fortissime influenze della musica folk tradizionale giapponese ed è eseguita mediante sintetizzatori ricalcanti le sonorità dei fiati come lo Shakuhachi e degli strumenti a corda come lo shamisen, uniti talvolta ai ritmi della musica elettronica occidentale. La musica, a causa delle limitazioni dei primi registratori per le ost dei videogiochi, è stata originariamente prodotta in formato mono. Ufficialmente non è mai uscita in commercio, tuttavia è reperibile sia sotto forma di un medley di tre minuti circa sull'antologia del 1987 ”Taito Game Music” (28XA-110), pubblicata dalla Alfa Music sia in versione integrale (ovvero con i brani completi e separati) nella ri-edizione del 2002 della compilation Taito Game Music (SCDC-00156) ad opera della Sci-Tron Digital Content.


Accoglienza

  • A dispetto dei tanti seguiti e versioni, KiKiKaiKai ricevette critiche abbastanza aride. Molti critici concordarono sul fatto che il gioco peccasse molto sulla grafica, anche se fu la prima di quel tipo, e sulla formazione dei livelli. GameSpot lo considerò come uno dei titoli meno brillanti della Taito e di minor qualità rispetto ai precedenti Bubble Bobble e Double Dragon. AllGames.com sottolineò che «una volta superato il tuo divertimento iniziale con i fantasmi sorridenti e gli scheletri comici del gioco, troverai la grafica molto noiosa.» Si notò che gli schemi erano molto monotoni e rendevano perciò la storia meno coinvolgente. Invece i controlli, insieme alle tematiche affrontate e alla ost, vennero lodati per la loro semplice reattività.


Curiosità

  • Pubblicato nell'Ottobre 1986.
  • Questo gioco è conosciuto anche come ”Knight Boy”.
  • La traduzione dal giapponese del titolo è 'Vecchia e strana storia del mondo misterioso' o più comunemente 'Il misterioso mondo dei fantasmi'.
  • Il personaggio principale è una sacerdotessa Chinto (Tipo Miko di ”Tengai”). La sua arma principale sono gli 'o-fuda', ovvero dei talismani che vengono sparati. In più ha un'asta della purificazione usata per colpire i nemici più vicini.
  • La protagonista del gioco, così come i fantasmi, influenzarono successivamente l'aspetto di Reimu Hakurei e i nemici spettri di Touhou Project per il PC-98.
  • Sayo-chan è apparsa in molti altri giochi della Taito, sia come semplice comparsa sia come protagonista: per esempio in Akkanvader, una versione colorata e sorta di parodia del 1995 di Space Invaders, è uno dei personaggi giocabili, mentre in Bubble Bobble II del 1994 è il boss del secondo livello (chiamato per l'appunto KikiKaiKai).


Consigli e Trucchi

  • Agitare l'asta di purificazione presso una lanterna con una sfera rossa all'interno (significa che è accesa) per ricevere un potenziamento.
  • I ”Rumuru” non ti uccidono, bensí ti rallentano. Puoi liberartene correndo attorno ad un torii.
  • I cristalli si attivano con la pressione del pulsante di fuoco in contemporanea al tasto dell'asta di purificazione.


Ideogrammi segreti:

  • Quando compare la schermata di ”Game Over”, tieni premuto SU fino al cambio di schermata. L'orso (kuma) e la valle (tani) dovrebbero apparire sulla schermata dei titoli. Significa che questo gioco é stato sviluppato da Taito Kumagaya (kuma + tani) Laboratory. Se inizi la partita con questi personaggi su schermo, una vita é aggiunta alla tua partita (3 di default, la partita dovrebbe iniziare con 4 vite). Per effettuare il trucco devi avere il credito pari a zero.


L'orso (Kuma) nella valle (Tani).


Serie

(Titoli giapponesi)

(Titoli americani)

Non ufficiali

Seguiti

  • Come ogni primo capitolo di una serie, KiKiKaiKai, gettò le basi per i titoli futuri della sua saga. Nel 1992, dopo un lungo periodo di ri-edizioni per le diverse piattaforme di gioco, la Taito pubblicò il primo sequel, KikiKaiKai: Nazo no Kuro Manto, meglio noto come Pocky & Rocky per la sua traduzione americana. Questo titolo e i successivi Pocky & Rocky 2 e Pocky & Rocky with Becky vennero giudicati a livello qualitativo decisamente superiori rispetto al primo capitolo.


Staff

  • Autore : Hisaya Yabusaki
  • Programmatore : Kazutomo Ishida, Daisuke Sasaki
  • Design dei personaggi : Nenko Nishimura, Kazuya Mikata
  • Effetti sonori : Naoto Yagishita
  • Compositore musiche : Hisayoshi Ogura
  • Regista : Mikio Hatano


Conversioni

Console:


Computer :


Note sulle conversioni

  • Vista la sua immediata popolarità in terra madre, KiKiKaiKai venne convertito per essere supportato da numerose altre console, così da entrare anche nelle case di tutto il mondo ed incrementarne perciò le vendite. Il 10 Febbraio 1987 venne pubblicata la versione per MSX, con alcuni piccoli aggiustamenti di gameplay, mentre il 28 Agosto 1987 quella per il Disk System, rinominata Kiki Kaikai: Dotouhen. Su questa variante del gioco venne poi basata quella per il TurboGrafx-16, rilasciata il 27 Marzo 1990. Ma il vero salto verso le piattaforme portatili avvenne molto dopo, più esattamente il 12 Giugno 2003, quando la Taito sviluppò una versione del videogioco con java per i cellulari chiamata KiKi KaiKai: The Bizarre World. Successivamente, il 14 Maggio 2004, il titolo vene per la prima volta reso disponibile per i PC Windows, tramite il web, grazie al sito della casa produttrice con la concessione di EZWeb.
  • La versione per il Famicom Disk System Kiki Kaikai: Dotouhen differisce in molti punti rispetto alla sua controparte arcade. Presenta in più nuovi livelli e nemici, nonché un numero limitato di ofuda da lanciare e un secondo personaggio giocabile, Miki-chan, un'altra fanciulla del santuario.


Screenshots comparativi

MSX


Nintendo NES / Famicom


TurboGrafx-16 / PC Engine


Fonti

  • Le schermate della sequenza finale sono state gentilmente fornite da: MamEnd
  • Le info per la realizzazione di questa scheda sono prese e in parte rielaborate dai seguenti siti:


Video

KiKiKaiKai
Gameplay di KiKiKaiKai.


PCB (Printed Circuit Board)


Artwork


Flyers

kikikaikai_-_flyer_-_01.jpgkikikaikai_-_flyer_-_02.jpg
kikikaikai_-_flyer_-_03.jpgkikikaikai_-_flyer_-_04.jpg


Screenshots


La sequenza finale


Tools personali
Toolbox

1° GHOSTS 'N GOBLINS

2° DOUBLE DRAGON

3° SHINOBI

4° WONDER BOY

5° PAC-MAN

6° GOLDEN AXE

7° ALTERED BEAST

8° DRAGON NINJA

9° POPEYE

10° R-TYPE



Usa questo logo per affiliazioni


Sostieni il DVG. Contattaci!!