Differenze

Queste sono le differenze tra la revisione selezionata e la versione attuale della pagina.

Link a questa pagina di confronto

monkey_island_quadrilogia_di [2011/03/30 23:52]
127.0.0.1 modifica esterna
monkey_island_quadrilogia_di [2011/10/11 13:43] (versione attuale)
ataru_75
Linea 1: Linea 1:
 ===== QUADRILOGIA DI MONKEY ISLAND ===== ===== QUADRILOGIA DI MONKEY ISLAND =====
 +<sup>Da DVG - Il Dizionario dei Videogiochi</sup>
  
 +\\ 
 {{mi_logo.jpg|}} {{mi_logo.jpg|}}
  
 Con il nome generico di Monkey Island ci si riferisce alla ben nota serie di [[avventura grafica|avventure grafiche]] prodotta dalla [[LucasArts]] e ideata da [[Ron Gilbert]] con l'apporto rilevante di Michael Land nelle musiche e Steve Purcell nella grafica. Con il nome generico di Monkey Island ci si riferisce alla ben nota serie di [[avventura grafica|avventure grafiche]] prodotta dalla [[LucasArts]] e ideata da [[Ron Gilbert]] con l'apporto rilevante di Michael Land nelle musiche e Steve Purcell nella grafica.
  
-**LA SAGA:** +=====La Saga=====
  
 La serie conta quattro capitoli: The Secret of Monkey Island, Le Chuck's Revenge, The Curse of Monkey Island ed Escape from Monkey Island. Gli ultimi due episodi, tuttavia, non riportano tra i crediti l'ideatore Ron Gilbert e per questo motivo, secondo alcuni, il secondo episodio andrebbe considerato come termine non ufficiale della saga. In effetti dal punto di vista dello stile, della continuità e perfino di epoca (il terzo capitolo è stato sviluppato a ben 6 anni di distanza dal secondo) non è errato considerare i giochi The Secret of Monkey Island e Monkey Island 2: Le Chuck's Revenge, come un'opera unica, ben definita e a sé stante. Questi primi due giochi videro la luce su sistemi [[Amiga]], [[IBM]] compatibili e [[Apple Macintosh]]. Tenendo anche in considerazione le rispettive epoche di uscita, i più considerano Monkey Island II come il gioco meglio riuscito della serie. La serie conta quattro capitoli: The Secret of Monkey Island, Le Chuck's Revenge, The Curse of Monkey Island ed Escape from Monkey Island. Gli ultimi due episodi, tuttavia, non riportano tra i crediti l'ideatore Ron Gilbert e per questo motivo, secondo alcuni, il secondo episodio andrebbe considerato come termine non ufficiale della saga. In effetti dal punto di vista dello stile, della continuità e perfino di epoca (il terzo capitolo è stato sviluppato a ben 6 anni di distanza dal secondo) non è errato considerare i giochi The Secret of Monkey Island e Monkey Island 2: Le Chuck's Revenge, come un'opera unica, ben definita e a sé stante. Questi primi due giochi videro la luce su sistemi [[Amiga]], [[IBM]] compatibili e [[Apple Macintosh]]. Tenendo anche in considerazione le rispettive epoche di uscita, i più considerano Monkey Island II come il gioco meglio riuscito della serie.
  
-**TECNICHE:**+=====Tecniche=====
  
 La prima metà degli anni Novanta vide un fiorire di [[avventura grafica|avventure grafiche]], dette anche punta e clicca a causa dell'interfaccia che esse utilizzavano: bastava l'utilizzo del solo [[mouse]] per permettere al giocatore di esplorare un mondo ricco e colorato, interagire con l'ambiente e con vari oggetti, e perfino con altri personaggi, scegliendo cosa dire tramite un clic. L'innovazione determinante sul lato tecnico fu sicuramente il sistema d'[[interfaccia]] [[SCUMM]], ideato e già implementato da Ron Gilbert in avventure precedenti, quali [[Maniac Mansion]] e Zak McKracken and the Alien Mindbenders prodotti dalla stessa [[LucasArts]]. Il lato artistico, magnificamente curato da Steve Purcell, faceva già intravedere nelle deformazioni ambientali quelle caricature che in future avventure saranno anche riferite ai personaggi, mantenendo però ancora uno stile fortemente realistico. La prima metà degli anni Novanta vide un fiorire di [[avventura grafica|avventure grafiche]], dette anche punta e clicca a causa dell'interfaccia che esse utilizzavano: bastava l'utilizzo del solo [[mouse]] per permettere al giocatore di esplorare un mondo ricco e colorato, interagire con l'ambiente e con vari oggetti, e perfino con altri personaggi, scegliendo cosa dire tramite un clic. L'innovazione determinante sul lato tecnico fu sicuramente il sistema d'[[interfaccia]] [[SCUMM]], ideato e già implementato da Ron Gilbert in avventure precedenti, quali [[Maniac Mansion]] e Zak McKracken and the Alien Mindbenders prodotti dalla stessa [[LucasArts]]. Il lato artistico, magnificamente curato da Steve Purcell, faceva già intravedere nelle deformazioni ambientali quelle caricature che in future avventure saranno anche riferite ai personaggi, mantenendo però ancora uno stile fortemente realistico.
Linea 19: Linea 21:
 Nonostante ogni avventura di Monkey Island sia suddivisa in capitoli, è possibile riconoscere alcune somiglianze nello svolgersi dei diversi episodi, somiglianze che riconducono ad un'unica struttura narrativa: antefatto, preparazione, viaggio, risoluzione. È con questo espediente che ogni nuova avventura risulta immediatamente familiare al giocatore e, sebbene sussistano leggere differenze nell'interfaccia di gioco, questi comincia rapidamente a muoversi con disinvoltura all'interno di una trama che, anche se ignota, non disorienta. Nonostante ogni avventura di Monkey Island sia suddivisa in capitoli, è possibile riconoscere alcune somiglianze nello svolgersi dei diversi episodi, somiglianze che riconducono ad un'unica struttura narrativa: antefatto, preparazione, viaggio, risoluzione. È con questo espediente che ogni nuova avventura risulta immediatamente familiare al giocatore e, sebbene sussistano leggere differenze nell'interfaccia di gioco, questi comincia rapidamente a muoversi con disinvoltura all'interno di una trama che, anche se ignota, non disorienta.
  
-**LE AVVENTURE:**+=====Le Avventure=====
  
-**Il Segreto di Monkey Island:**+===Il Segreto di Monkey Island===
  
 Il Segreto di Monkey Island è il primo capitolo della saga ed è prodotto nel 1990. Qui compare il protagonista assoluto di tutta la serie, Guybrush Threepwood, un giovane dal passato oscuro che giunge su una piccola isola dei Caraibi, l'isola di Mêlée, con un sogno da realizzare: diventare un pirata. Il Segreto di Monkey Island è il primo capitolo della saga ed è prodotto nel 1990. Qui compare il protagonista assoluto di tutta la serie, Guybrush Threepwood, un giovane dal passato oscuro che giunge su una piccola isola dei Caraibi, l'isola di Mêlée, con un sogno da realizzare: diventare un pirata.
Linea 27: Linea 29:
 Nella sua prima rocambolesca avventura Guybrush incontra vari comprimari, alcuni semplicemente esilaranti, come Stan il venditore (qui di barche, ma nei successivi episodi si adatterà a trattare gli articoli più disparati), il Maestro di Spada, Otis o i fratelli Fettuccini, acrobati di un improbabile (e deserto) circo. Soprattutto, durante la prima parte del gioco (le famigerate Tre Prove da superare per diventare un vero pirata), conosce il governatore di Mêlée, Elaine Marley, di cui si innamora. Il problema nasce quando della stessa ragazza si invaghisce il pirata "non morto" LeChuck che la rapisce; Guybrush, deciso a salvarla, comincia quindi un lungo viaggio... Nella sua prima rocambolesca avventura Guybrush incontra vari comprimari, alcuni semplicemente esilaranti, come Stan il venditore (qui di barche, ma nei successivi episodi si adatterà a trattare gli articoli più disparati), il Maestro di Spada, Otis o i fratelli Fettuccini, acrobati di un improbabile (e deserto) circo. Soprattutto, durante la prima parte del gioco (le famigerate Tre Prove da superare per diventare un vero pirata), conosce il governatore di Mêlée, Elaine Marley, di cui si innamora. Il problema nasce quando della stessa ragazza si invaghisce il pirata "non morto" LeChuck che la rapisce; Guybrush, deciso a salvarla, comincia quindi un lungo viaggio...
  
-**Monkey Island II: La vendetta di LeChuck:**+===Monkey Island II: La vendetta di LeChuck===
  
 Nel 1991, a solo un anno di distanza, è la volta del secondo capitolo, La vendetta di LeChuck. Il lasso di tempo così breve fra la pubblicazione dei due titoli non si risolve in una realizzazione approssimativa, tutt'altro. Nel 1991, a solo un anno di distanza, è la volta del secondo capitolo, La vendetta di LeChuck. Il lasso di tempo così breve fra la pubblicazione dei due titoli non si risolve in una realizzazione approssimativa, tutt'altro.
Linea 33: Linea 35:
 Questa volta Guybrush è sulle tracce del favoloso e leggendario tesoro Big Whoop, tesoro che renderebbe chi lo trovasse il più potente degli uomini, perfino del vecchio (defunto) LeChuck. Nel corso delle indagini però, venuto a contatto con uno degli scagnozzi del pirata fantasma, fornisce per errore l'opportunità di resuscitarlo. Ricomincia così la lotta fra i due, mentre l'intrepido eroe prosegue le sue ricerche del tesoro tra le isole dei Caraibi. Si rincontrano alcuni dei vecchi personaggi, Elaine, l'irresistibile Stan e la versione zombie del pirata fantasma LeChuck, coprotagonista del mirabolante finale. Non mancano nuovi incontri come Wally, il ragazzino cartografo che necessita del suo monocolo per lavorare, o l'improbabile governatore di Phatt Island, costretto a letto dall'obesità ma non per questo meno devoto al cibo (che gli viene somministrato grazie a condotti provenienti dalle cucine). Questa volta Guybrush è sulle tracce del favoloso e leggendario tesoro Big Whoop, tesoro che renderebbe chi lo trovasse il più potente degli uomini, perfino del vecchio (defunto) LeChuck. Nel corso delle indagini però, venuto a contatto con uno degli scagnozzi del pirata fantasma, fornisce per errore l'opportunità di resuscitarlo. Ricomincia così la lotta fra i due, mentre l'intrepido eroe prosegue le sue ricerche del tesoro tra le isole dei Caraibi. Si rincontrano alcuni dei vecchi personaggi, Elaine, l'irresistibile Stan e la versione zombie del pirata fantasma LeChuck, coprotagonista del mirabolante finale. Non mancano nuovi incontri come Wally, il ragazzino cartografo che necessita del suo monocolo per lavorare, o l'improbabile governatore di Phatt Island, costretto a letto dall'obesità ma non per questo meno devoto al cibo (che gli viene somministrato grazie a condotti provenienti dalle cucine).
  
-**La maledizione di Monkey Island:**+===La maledizione di Monkey Island===
  
 Nel 1997, dopo ben 6 anni (e nonostante il finale del secondo episodio facesse presagire una conclusione definitiva) Guybrush Threepwood torna in una nuova avventura, La maledizione di Monkey Island, stavolta dominata dallo stile cartoon e dotata di splendide musiche e di un audio parlato ad alta qualità. Nel 1997, dopo ben 6 anni (e nonostante il finale del secondo episodio facesse presagire una conclusione definitiva) Guybrush Threepwood torna in una nuova avventura, La maledizione di Monkey Island, stavolta dominata dallo stile cartoon e dotata di splendide musiche e di un audio parlato ad alta qualità.
Linea 39: Linea 41:
 In questo capitolo Guybrush riesce ben presto (troppo?) a ricongiungersi con Elaine regalandole un anello, recuperato casualmente nella stiva della nave di LeChuck. Non gli ci vorrà molto per scoprire di aver gettato sull'amata una maledizione vudù intrisa nell'anello, che la trasforma in una statua d'oro massiccio! Sono subito chiare le due parti dell'avventura: recuperare Elaine (una statua d'oro massiccio è certamente un prezioso bottino dovunque, ancor di più su un'isola zeppa di pirati...) e, ovviamente, rompere la maledizione. Lady Voodoo, ancora nei paraggi, si rivelerà nuovamente un valido aiuto.Una splendida avventura grafica pienamente all'altezza dei suoi due predecessori ! In questo capitolo Guybrush riesce ben presto (troppo?) a ricongiungersi con Elaine regalandole un anello, recuperato casualmente nella stiva della nave di LeChuck. Non gli ci vorrà molto per scoprire di aver gettato sull'amata una maledizione vudù intrisa nell'anello, che la trasforma in una statua d'oro massiccio! Sono subito chiare le due parti dell'avventura: recuperare Elaine (una statua d'oro massiccio è certamente un prezioso bottino dovunque, ancor di più su un'isola zeppa di pirati...) e, ovviamente, rompere la maledizione. Lady Voodoo, ancora nei paraggi, si rivelerà nuovamente un valido aiuto.Una splendida avventura grafica pienamente all'altezza dei suoi due predecessori !
  
-**Fuga da Monkey Island:**+===Fuga da Monkey Island===
  
 Il quarto capitolo della serie vanta una nuova brillante veste grafica che lo porta a ben competere con i titoli contemporanei. Grazie alla nuova versione del motore grafico GrimE, evoluzione di quello utilizzato nel gioco Grim Fandango, i personaggi si muovono in tre dimensioni su splendidi fondali dalle tinte pastello e si abbandona l'uso del mouse in favore della tastiera. Il quarto capitolo della serie vanta una nuova brillante veste grafica che lo porta a ben competere con i titoli contemporanei. Grazie alla nuova versione del motore grafico GrimE, evoluzione di quello utilizzato nel gioco Grim Fandango, i personaggi si muovono in tre dimensioni su splendidi fondali dalle tinte pastello e si abbandona l'uso del mouse in favore della tastiera.
Linea 45: Linea 47:
 L'avvio di Fuga da Monkey Island vede Guybrush ed Elaine che, al ritorno da una vivace luna di miele, scoprono di essere stati dati per morti: devono dunque impedire la distruzione della loro casa e poi fare luce su quanto sia successo. Le cose si complicano per la comparsa di un borioso e infido candidato alla carica di governatore, al posto della compianta Elaine, mentre Guybrush viene arrestato per aver rapinato una banca e bisogna sventare i piani di un losco figuro, il miliardario Ozzie Mandrill che mira ad impadronirsi di un manufatto voodoo noto come l'Insulto Supremo. Ci si ritrova così coinvolti in una vera battaglia con la legge, viaggi in paludi stregate, gare di tuffi e scuole elementari per pirati, in un mondo piratesco e ridicolo, incontrando vecchi e nuovi personaggi. L'avvio di Fuga da Monkey Island vede Guybrush ed Elaine che, al ritorno da una vivace luna di miele, scoprono di essere stati dati per morti: devono dunque impedire la distruzione della loro casa e poi fare luce su quanto sia successo. Le cose si complicano per la comparsa di un borioso e infido candidato alla carica di governatore, al posto della compianta Elaine, mentre Guybrush viene arrestato per aver rapinato una banca e bisogna sventare i piani di un losco figuro, il miliardario Ozzie Mandrill che mira ad impadronirsi di un manufatto voodoo noto come l'Insulto Supremo. Ci si ritrova così coinvolti in una vera battaglia con la legge, viaggi in paludi stregate, gare di tuffi e scuole elementari per pirati, in un mondo piratesco e ridicolo, incontrando vecchi e nuovi personaggi.
  
-**I fan si dividono:**+=====I fan si dividono=====
  
 Contro ogni previsione, e nonostante gli sforzi profusi nella produzione del gioco, proprio Escape from Monkey Island ha suscitato molte polemiche, soprattutto negli ammiratori di vecchia data che, preso atto degli innegabili pregi del prodotto, hanno lamentato carenze sotto molti punti di vista, tanto che una parte di essi non lo considera neanche degno del titolo di sequel. Le motivazioni addotte sono molteplici, ma partono dall'assunto di un software ben fatto: la grafica del nuovo motore GrimE è leggera e fluida, i fondali sono splendidi e curati anche se privi del dettaglio raggiunto nel periodo del [[2D]]. Il sonoro è indubbiamente la sezione che merita il voto migliore: la compressione [[MP3]], utilizzata per le musiche e per il parlato, permette di godere di un audio di qualità [[CD]], tra l'altro sapientemente missato durante i cambi di scena (si notino i sottofondi sonori ovattati appena fuori dagli ambienti chiusi). Contro ogni previsione, e nonostante gli sforzi profusi nella produzione del gioco, proprio Escape from Monkey Island ha suscitato molte polemiche, soprattutto negli ammiratori di vecchia data che, preso atto degli innegabili pregi del prodotto, hanno lamentato carenze sotto molti punti di vista, tanto che una parte di essi non lo considera neanche degno del titolo di sequel. Le motivazioni addotte sono molteplici, ma partono dall'assunto di un software ben fatto: la grafica del nuovo motore GrimE è leggera e fluida, i fondali sono splendidi e curati anche se privi del dettaglio raggiunto nel periodo del [[2D]]. Il sonoro è indubbiamente la sezione che merita il voto migliore: la compressione [[MP3]], utilizzata per le musiche e per il parlato, permette di godere di un audio di qualità [[CD]], tra l'altro sapientemente missato durante i cambi di scena (si notino i sottofondi sonori ovattati appena fuori dagli ambienti chiusi).
Linea 51: Linea 53:
 Le critiche nascono dall'analisi delle soluzioni tecniche e del soggetto. La comunità dei videogiocatori ha mal digerito l'abbandono del mouse, che sottintende la morte del punta-e-clicca, e il dover pilotare Guybrush dalla tastiera lo ha reso più simile ad Edward Carnby di Alone in the Dark. Senza contare che l'adozione della grafica poligonale ha di colpo azzerato l'espressività dei personaggi, aspetto per cui l'episodio precedente rappresenta invece un apice per dettaglio e intensità. Altro punto controverso è stato l'inserimento di sequenze [[arcade]] nel corso dell'avventura, il tecnologico "Monkey Kombat" che, lungi dal divertire come parodia, richiede invece ore di apprendimento: si noti che questo tipo di inserto arcade è già presente in altre avventure grafiche di successo (in Sam & Max Hit the Road o Indiana Jones e il destino di Atlantide) ma raramente come ostacolo da superare per far proseguire la storia, e mai così impegnativo. Questo è quello che c'è. L'aspetto che, secondo molti affezionati, latita è costituito dai tanto decantati duelli d'insulti, vero e proprio distintivo della saga, l'aspetto irresistibile, esilarante ed innovativo del primo e del terzo episodio e qui presenti in maniera marginale (ed il sospetto che il Monkey Kombat sia stato inventato per sostituirli non ha giovato all'immagine del gioco). Altra assenza si rileva nella trama: troppo spesso si ha l'impressione che il gioco vada avanti per mini-enigmi, senza un progetto generale ma con pretesti riempitivi, e la comparsa costante di vecchi personaggi a popolare le isole, in un tacito auto-incensare i vecchi tempi, non fa che confermare la sensazione di una grave carenza creativa. Le critiche nascono dall'analisi delle soluzioni tecniche e del soggetto. La comunità dei videogiocatori ha mal digerito l'abbandono del mouse, che sottintende la morte del punta-e-clicca, e il dover pilotare Guybrush dalla tastiera lo ha reso più simile ad Edward Carnby di Alone in the Dark. Senza contare che l'adozione della grafica poligonale ha di colpo azzerato l'espressività dei personaggi, aspetto per cui l'episodio precedente rappresenta invece un apice per dettaglio e intensità. Altro punto controverso è stato l'inserimento di sequenze [[arcade]] nel corso dell'avventura, il tecnologico "Monkey Kombat" che, lungi dal divertire come parodia, richiede invece ore di apprendimento: si noti che questo tipo di inserto arcade è già presente in altre avventure grafiche di successo (in Sam & Max Hit the Road o Indiana Jones e il destino di Atlantide) ma raramente come ostacolo da superare per far proseguire la storia, e mai così impegnativo. Questo è quello che c'è. L'aspetto che, secondo molti affezionati, latita è costituito dai tanto decantati duelli d'insulti, vero e proprio distintivo della saga, l'aspetto irresistibile, esilarante ed innovativo del primo e del terzo episodio e qui presenti in maniera marginale (ed il sospetto che il Monkey Kombat sia stato inventato per sostituirli non ha giovato all'immagine del gioco). Altra assenza si rileva nella trama: troppo spesso si ha l'impressione che il gioco vada avanti per mini-enigmi, senza un progetto generale ma con pretesti riempitivi, e la comparsa costante di vecchi personaggi a popolare le isole, in un tacito auto-incensare i vecchi tempi, non fa che confermare la sensazione di una grave carenza creativa.
  
-**NOSTRI GIORNI:**+=====Nostri Giorni=====
  
 Sono passati molti anni dalla pubblicazione dei primi episodi di Monkey Island e l'universo intorno al mouse è molto cambiato. La tecnologia del personal computer si è evoluta in maniera inimmaginabile da allora e su ormai pochissime postazioni gira ancora il DOS, dunque come giocare oggi a Monkey Island? Una ricca comunità di videogiocatori, affezionati a Guybrush Threepwood e le sue avventure ha dato avvio, qualche anno fa, al progetto ScummVM: si tratta di un interprete SCUMM libero e di piccole dimensioni, programmato in C++ e basato sulle librerie SDL, il che gli permette di girare su numerose piattaforme sulle quali oggi quei giochi non funzionerebbero più, e persino su molte che non esistevano neanche nei primi anni '90. Oggi il motore è abbastanza maturo da permettere di giocare senza problemi non solo i primi tre episodi di Monkey Island, quelli programmati con lo SCUMM, ma anche altre avventure grafiche della LucasArts e, recentemente, perfino giochi di altre case. Sono passati molti anni dalla pubblicazione dei primi episodi di Monkey Island e l'universo intorno al mouse è molto cambiato. La tecnologia del personal computer si è evoluta in maniera inimmaginabile da allora e su ormai pochissime postazioni gira ancora il DOS, dunque come giocare oggi a Monkey Island? Una ricca comunità di videogiocatori, affezionati a Guybrush Threepwood e le sue avventure ha dato avvio, qualche anno fa, al progetto ScummVM: si tratta di un interprete SCUMM libero e di piccole dimensioni, programmato in C++ e basato sulle librerie SDL, il che gli permette di girare su numerose piattaforme sulle quali oggi quei giochi non funzionerebbero più, e persino su molte che non esistevano neanche nei primi anni '90. Oggi il motore è abbastanza maturo da permettere di giocare senza problemi non solo i primi tre episodi di Monkey Island, quelli programmati con lo SCUMM, ma anche altre avventure grafiche della LucasArts e, recentemente, perfino giochi di altre case.
Linea 57: Linea 59:
 Lo stesso team cura anche il sottoprogetto Residual, un motore grafico [[3D]] che si propone di fornire supporto alle avventure LucasArts basate su GrimE, ossia Grim Fandango e (forse), in futuro, Escape from Monkey Island. Lo sviluppo del progetto Residual procede con meno intensità rispetto a ScummVM, ma sono già scaricabili delle versioni preliminari. Lo stesso team cura anche il sottoprogetto Residual, un motore grafico [[3D]] che si propone di fornire supporto alle avventure LucasArts basate su GrimE, ossia Grim Fandango e (forse), in futuro, Escape from Monkey Island. Lo sviluppo del progetto Residual procede con meno intensità rispetto a ScummVM, ma sono già scaricabili delle versioni preliminari.
  
-**FANGAMES:**+=====Fangames=====
  
 Da che mondo è mondo, un gioco di successo non cessa mai di divertire e stimola la fantasia dei giocatori: è successo con Prince of Persia, del quale sono stati pubblicati dei seguiti non ufficiali, con Doom e Quake che (allora) videro il moltiplicarsi degli editor di livelli, così da crearne di nuovi e diffonderli agli amici, e oggi vivono una seconda giovinezza grazie a engine open source, migliorati e (finalmente) multipiattaforma, ma si potrebbero citare innumerevoli altri esempi. Da che mondo è mondo, un gioco di successo non cessa mai di divertire e stimola la fantasia dei giocatori: è successo con Prince of Persia, del quale sono stati pubblicati dei seguiti non ufficiali, con Doom e Quake che (allora) videro il moltiplicarsi degli editor di livelli, così da crearne di nuovi e diffonderli agli amici, e oggi vivono una seconda giovinezza grazie a engine open source, migliorati e (finalmente) multipiattaforma, ma si potrebbero citare innumerevoli altri esempi.
Linea 67: Linea 69:
 Da che mondo è mondo, un gioco di successo non cessa mai di divertire. Da che mondo è mondo, un gioco di successo non cessa mai di divertire.
  
-**CURIOSITÀ:**+=====Curiosità=====
  
 Il vero filo conduttore della saga è certamente l'umorismo (abbondante, a volte demenziale), ed ogni episodio ne è pervaso dall'inizio all'happy end. I programmatori hanno volutamente nascosto delle vere e proprie chicche all'interno dei giochi, anche numerose, che li rendono davvero dei gioielli dell'(auto)ironia: si tratta spesso di riferimenti più o meno evidenti ad altre creazioni della stessa LucasArts (si notino le frequenti apparizioni del coniglio Max, merito di Purcell, o i vari oggetti appartenuti ad Indiana Jones), o anche azioni o frasi particolarmente ridicole e curiose che si attivano solo in particolari circostanze e con particolari personaggi. Sia chiaro, riuscire a scovarli non è di nessun aiuto per finire prima il gioco, ma è certamente affascinante provare a intravedere l'atmosfera scanzonata che doveva dominare le stanze dei programmatori. Gruppi di fan stanno creando Prisoner of Monkey Island(Monkey Island 2.5) e Darkness of Monkey Island (Monkey Island 5) che saranno pronti rispettivamente per il 2007 e 2008. Il vero filo conduttore della saga è certamente l'umorismo (abbondante, a volte demenziale), ed ogni episodio ne è pervaso dall'inizio all'happy end. I programmatori hanno volutamente nascosto delle vere e proprie chicche all'interno dei giochi, anche numerose, che li rendono davvero dei gioielli dell'(auto)ironia: si tratta spesso di riferimenti più o meno evidenti ad altre creazioni della stessa LucasArts (si notino le frequenti apparizioni del coniglio Max, merito di Purcell, o i vari oggetti appartenuti ad Indiana Jones), o anche azioni o frasi particolarmente ridicole e curiose che si attivano solo in particolari circostanze e con particolari personaggi. Sia chiaro, riuscire a scovarli non è di nessun aiuto per finire prima il gioco, ma è certamente affascinante provare a intravedere l'atmosfera scanzonata che doveva dominare le stanze dei programmatori. Gruppi di fan stanno creando Prisoner of Monkey Island(Monkey Island 2.5) e Darkness of Monkey Island (Monkey Island 5) che saranno pronti rispettivamente per il 2007 e 2008.
Linea 115: Linea 117:
     * Durante il passaggio nella palude è possibile vedere sullo sfondo uno degli X-wing della saga di Star Wars, sommerso per metà nell'acqua.     * Durante il passaggio nella palude è possibile vedere sullo sfondo uno degli X-wing della saga di Star Wars, sommerso per metà nell'acqua.
  
-{{mi4_019.jpg|}}{{monkey32g.jpg|}}{{420px-monkey_island_brutal.jpg|}}{{monkey_island2.gif|}}+=====Screenshots===== 
 + 
 +{{420px-monkey_island_brutal.jpg|}}{{monkey_island2.gif|}} 
 + 
 +{{mi4_019.jpg|}}{{monkey32g.jpg|}} 

Tools personali
Toolbox

1° GHOSTS 'N GOBLINS

2° DOUBLE DRAGON

3° SHINOBI

4° WONDER BOY

5° PAC-MAN

6° GOLDEN AXE

7° ALTERED BEAST

8° DRAGON NINJA

9° POPEYE

10° R-TYPE



Usa questo logo per affiliazioni


Sostieni il DVG. Contattaci!!