Differenze

Queste sono le differenze tra la revisione selezionata e la versione attuale della pagina.

Link a questa pagina di confronto

ms-dos [2011/03/30 23:52]
127.0.0.1 modifica esterna
ms-dos [2012/10/06 16:40] (versione attuale)
ataru_75
Linea 1: Linea 1:
 ===== MS-DOS ===== ===== MS-DOS =====
 +<sup>Da DVG - Il Dizionario dei Videogiochi</sup>
  
-**MS-DOS** è il sistema operativo, prodotto da [[Microsoft]], che fu abbinato al primo [[PC]] [[IBM]].+\\ **MS-DOS** è il sistema operativo, prodotto da [[Microsoft]], che fu abbinato al primo [[PC]] [[IBM]].
  
 Il nome deriva dalle iniziali della [[Microsoft]], cioè MS, e dall'acronimo DOS ovvero Disk Operating System. Il nome deriva dalle iniziali della [[Microsoft]], cioè MS, e dall'acronimo DOS ovvero Disk Operating System.
Linea 7: Linea 8:
 {{gennaio08:dos_logo2.png|}} {{gennaio08:dos_logo2.png|}}
  
-**Storia dell'MS-DOS:**+=====Storia dell'MS-DOS=====
  
 Verso l'ottobre del 1980 la [[IBM]] stava cercando un sistema operativo per il suo nuovo prodotto, il [[PC]] [[IBM]] prossimo al lancio. Inizialmente si rivolse alla Digital Research di Gary Kildall, l'autore del CP/M che allora era lo standard per i microcomputer; ma l'affare andò in fumo poiché Kildall rifiutò di firmare l'accordo di non divulgazione del codice. Continuando la ricerca, bussarono anche alla porta della [[Microsoft]] di [[gates, bill|Bill Gates]] e Paul Allen che allora produceva quasi solo linguaggi (il Microsoft BASIC). I due, davanti all'occasione che si profilava loro, non esitarono a contattare la Seattle Computer Products che pochi mesi prima aveva scritto un [[clone]] a 16 [[bit]] del CP/M chiamato 86-DOS per i microcomputer che stava producendo, basati sull'8086 e sul bus S-100. Dopo una veloce revisione dei sorgenti, che consistevano in circa 4000 linee di codice assembler, il tutto fu mandato alla [[IBM]] per una valutazione. Verso l'ottobre del 1980 la [[IBM]] stava cercando un sistema operativo per il suo nuovo prodotto, il [[PC]] [[IBM]] prossimo al lancio. Inizialmente si rivolse alla Digital Research di Gary Kildall, l'autore del CP/M che allora era lo standard per i microcomputer; ma l'affare andò in fumo poiché Kildall rifiutò di firmare l'accordo di non divulgazione del codice. Continuando la ricerca, bussarono anche alla porta della [[Microsoft]] di [[gates, bill|Bill Gates]] e Paul Allen che allora produceva quasi solo linguaggi (il Microsoft BASIC). I due, davanti all'occasione che si profilava loro, non esitarono a contattare la Seattle Computer Products che pochi mesi prima aveva scritto un [[clone]] a 16 [[bit]] del CP/M chiamato 86-DOS per i microcomputer che stava producendo, basati sull'8086 e sul bus S-100. Dopo una veloce revisione dei sorgenti, che consistevano in circa 4000 linee di codice assembler, il tutto fu mandato alla [[IBM]] per una valutazione.
Linea 17: Linea 18:
 L'MS-DOS è vissuto come prodotto a sé stante fino all'arrivo di Windows 95 che integrava per ragioni di compatibilità l'MS-DOS. Comunque da Windows 95 in poi l'MS-DOS non è stato più il sistema operativo principale dei computer [[IBM compatibile|IBM compatibili]] e attualmente sopravvive solamente per mantenere la [[compatibilità]] con le datate applicazioni che lo utilizzano. L'MS-DOS è vissuto come prodotto a sé stante fino all'arrivo di Windows 95 che integrava per ragioni di compatibilità l'MS-DOS. Comunque da Windows 95 in poi l'MS-DOS non è stato più il sistema operativo principale dei computer [[IBM compatibile|IBM compatibili]] e attualmente sopravvive solamente per mantenere la [[compatibilità]] con le datate applicazioni che lo utilizzano.
  
-**Interfaccia utente:**+=====Interfaccia utente=====
  
 L'[[interfaccia]] standard di MS-DOS, un'[[interfaccia]] a linea di comando, era una shell (chiamata command), come su tutti i sistemi dell'epoca. In seguito divennero disponibili altre interfacce utente, basate su menù testuali (come, ad esempio, Norton Commander) o grafiche, come il GEM e le prime versioni di [[Microsoft Windows]] fino alla 3.11. L'[[interfaccia]] standard di MS-DOS, un'[[interfaccia]] a linea di comando, era una shell (chiamata command), come su tutti i sistemi dell'epoca. In seguito divennero disponibili altre interfacce utente, basate su menù testuali (come, ad esempio, Norton Commander) o grafiche, come il GEM e le prime versioni di [[Microsoft Windows]] fino alla 3.11.
  
-**Architettura:**+=====Architettura=====
  
 Come praticamente tutti i sistemi operativi per home e personal computer del periodo, l'MS-DOS era un sistema operativo monoutente e monotask, cioè capace di far girare un solo [[programma]] alla volta; i suoi due grandi limiti che ne impedirono lo sviluppo successivo erano l'incapacità di gestire più di 640 kB di [[memoria]] [[RAM]] e la sua natura non rientrante, che gli impedirono di evolversi e sfruttare le maggiori capacità dei nuovi processori che via via si resero disponibili. Purtroppo queste limitazioni erano dovute a scelte di progetto fondamentali, che seppure giustificate inizialmente dalle limitazioni del primo [[PC]] [[IBM]], poi non fu più possibile superare. Divenuti presto evidenti per la rapidissima evoluzione tecnologica di quegli anni, questi limiti vennero poi aggirati con stratagemmi [[software]] come i gestori di memoria EMS e XMS, e i cosiddetti DOS extender che gestivano il funzionamento a 32 [[bit]] in modalità protetta, che MS-DOS non poteva supportare: ma in ogni caso la gestione del file system e la risposta agli interrupt restavano comunque in mano al vecchio MS-DOS e soffrivano dei suoi limiti. Come praticamente tutti i sistemi operativi per home e personal computer del periodo, l'MS-DOS era un sistema operativo monoutente e monotask, cioè capace di far girare un solo [[programma]] alla volta; i suoi due grandi limiti che ne impedirono lo sviluppo successivo erano l'incapacità di gestire più di 640 kB di [[memoria]] [[RAM]] e la sua natura non rientrante, che gli impedirono di evolversi e sfruttare le maggiori capacità dei nuovi processori che via via si resero disponibili. Purtroppo queste limitazioni erano dovute a scelte di progetto fondamentali, che seppure giustificate inizialmente dalle limitazioni del primo [[PC]] [[IBM]], poi non fu più possibile superare. Divenuti presto evidenti per la rapidissima evoluzione tecnologica di quegli anni, questi limiti vennero poi aggirati con stratagemmi [[software]] come i gestori di memoria EMS e XMS, e i cosiddetti DOS extender che gestivano il funzionamento a 32 [[bit]] in modalità protetta, che MS-DOS non poteva supportare: ma in ogni caso la gestione del file system e la risposta agli interrupt restavano comunque in mano al vecchio MS-DOS e soffrivano dei suoi limiti.
Linea 29: Linea 30:
 Il codice eseguibile fondamentale del DOS era contenuto in due file dal nome IBMIO e IBMDOS. Il primo conteneva le routine di servizio degli interrupt e la gestione delle periferiche fisiche e caricava il secondo, che conteneva il gestore di periferiche logiche e il gestore del file system FAT. IBMDOS caricava a sua volta il COMMAND.COM, la shell interprete dei comandi. Il codice eseguibile fondamentale del DOS era contenuto in due file dal nome IBMIO e IBMDOS. Il primo conteneva le routine di servizio degli interrupt e la gestione delle periferiche fisiche e caricava il secondo, che conteneva il gestore di periferiche logiche e il gestore del file system FAT. IBMDOS caricava a sua volta il COMMAND.COM, la shell interprete dei comandi.
  
-**Versioni dell'MS-DOS:**+=====Versioni dell'MS-DOS=====
  
     * PC-DOS 1.0 - Agosto 1981     * PC-DOS 1.0 - Agosto 1981
Linea 171: Linea 172:
 incorporata in [[Windows]] 95b OSR2 incorporata in [[Windows]] 95b OSR2
  
-**Cloni dell'MS-DOS:**+=====Cloni dell'MS-DOS=====
  
 Dato il grande successo e la longevità del DOS sarebbe stato ben strano se nessuno avesse cercato di emularlo. E in effetti ci sono moltissimi sistemi operativi compatibili con varie versioni dell'MS-DOS o che cercano di estenderne le funzioni, alcuni commerciali, alcuni gratuiti, altri addirittura open source. Dato il grande successo e la longevità del DOS sarebbe stato ben strano se nessuno avesse cercato di emularlo. E in effetti ci sono moltissimi sistemi operativi compatibili con varie versioni dell'MS-DOS o che cercano di estenderne le funzioni, alcuni commerciali, alcuni gratuiti, altri addirittura open source.
Linea 189: Linea 190:
           * FreeGEM DOS           * FreeGEM DOS
  
-{{gennaio08:freegema.png|}} +\\ 
 +|{{gennaio08:freegema.png|}}|  
 +|  //Screenshot di FreeGEM//  | 
 +\\
  
-**//Screenshot di FreeGEM//** +=====Glossario=====
- +
-**Glossario:**+
  
 //__Lista di comandi di MS-DOS:__// //__Lista di comandi di MS-DOS:__//
Linea 276: Linea 278:
     * **xcopy** - copia i file e la struttura delle directory (ad esclusione dei file nascosti e di sistema)     * **xcopy** - copia i file e la struttura delle directory (ad esclusione dei file nascosti e di sistema)
  
-{{gennaio08:wxpmsds5.gif|}} +\\ 
- +|{{gennaio08:wxpmsds5.gif|}}| 
-**//Ecco come appare una tipica schermata di MS-DOS//** +|  //Ecco come appare una tipica schermata di MS-DOS.//  |

Tools personali
Toolbox

1° GHOSTS 'N GOBLINS

2° DOUBLE DRAGON

3° SHINOBI

4° WONDER BOY

5° PAC-MAN

6° GOLDEN AXE

7° ALTERED BEAST

8° DRAGON NINJA

9° POPEYE

10° R-TYPE



Usa questo logo per affiliazioni


Sostieni il DVG. Contattaci!!