AMSTRAD PPC 512

Da DVG - Il Dizionario dei Videogiochi


Il concetto di computer portatile non è stato mai ben definito negli anni '80: ogni produttore lanciava il suo particolare modello, diverso dai concorrenti nella forma e nella concezione.

L' Amstrad PPC 512 è un computer inconfondibile: è effettivamente portatile, piccolo e compatto, caratterizzato esternamente da un maniglione di plastica. La tastiera del PPC 512 ha una configurazione standard, identica a quella di un qualsiasi altro computer, e definisce le dimensioni rettangolari di questo modello: una soluzione estremamente comoda ma ardua, mai più riproposta in futuro. Al suo interno nasconde un monitor LCD estraibile e due disk drive. L' Amstrad PPC 512 è degno di essere ricordato per un motivo importante: è stato il primo portatile in Italia venduto a poco più di un milione, malgrado le sue caratteristiche meritassero molto di più.

La praticità dell' Amstrad PPC 512 era ineguagliata: oltre all'alimentazione tramite trasformatore o batterie, poteva essere tranquillamente collegato all'accendisigari della macchina, permettendo a chiunque di continuare a lavorare anche lontano dall'ufficio o da casa. Il modello gemello, l' Amstrad PPC-640, era dotato di un modem interno, capace di collegarsi alle banche dati sparse per il pianeta.

Scheda

  • Anno: 1988
  • Produttore: Amstrad
  • Modello: PPC 512
  • Processore: Intel 8088
  • RAM: 512 kb.
  • Audio: Beeper
  • Disco: 2 x 3”1/2
  • S.O.: MS-DOS 3.x
  • Prezzo 1988: L. 1.249.000
  • Peso: 10Kg

Immagini



Tools personali
Toolbox

1° GHOSTS 'N GOBLINS

2° DOUBLE DRAGON

3° SHINOBI

4° WONDER BOY

5° PAC-MAN

6° GOLDEN AXE

7° ALTERED BEAST

8° DRAGON NINJA

9° POPEYE

10° R-TYPE



Usa questo logo per affiliazioni


Sostieni il DVG. Contattaci!!


Scarica il PDF di Game
Rivista Game di videogiochi
Trucchi Videogiochi